22 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.01
Palermo

Lunedì 3 dicembre

I vigili del fuoco celebrano a Palermo la Patrona Santa Barbara

29 Novembre 2018

In occasione della festività di Santa Barbara, Patrona del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco a partire dal 3 dicembre alle ore 18 cominceranno le celebrazioni con la funzione religiosa nella Cattedrale di Palermo, che sarà officiata da S.E.R. Arcivescovo Corrado Lorefice.

La celebrazione religiosa della ricorrenza avverrà, come in altre occasioni passate, unitamente alla Marina Militare. Nel corso della funzione, S.E.R. l’Arcivescovo Lorefice, procederà alla benedizione di una Statua raffigurante la Santa che è stata donata a questo Comando dal professore Roberto Lagalla.

Il 4 dicembre si svolgerà come da consuetudine nella Sede Centrale del Comando Provinciale dei VV.F., la cerimonia dell’Onore ai Caduti del C.N.VV.F. alla presenza di S.E. il prefetto di Palermo Antonella De Miro, seguita dalla lettura dei messaggi augurali inviati dai vertici del Corpo e da una breve allocuzione da parte del Comandante Provinciale  Pietro Foderà.

Quest’anno le celebrazioni saranno seguite dall’allestimento della tradizionale “Pompieropoli” in piazza Verdi, resa disponibile nell’occasione da parte del Comune di Palermo e dallo schieramento di mezzi ed attrezzature in dotazione ai Nuclei Specialistici del C.N.VV.F..

La manifestazione dedicata a tutta la cittadinanza ed in particolare ai bambini si svolgerà a partire dalle ore 10 del 4 dicembre con la consueta collaborazione dell’Associazione Nazionale dei Vigili del Fuoco – Sezione di Palermo.

Finalità della manifestazione è quella di istruire i bambini sulle principali tecniche di prevenzione incendi e le azioni da compiere in caso di calamità naturali, attraverso alcuni giochi.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Ho Rivalutato la Dea Eupalla

Questa settimana i miei contatti sui social mi hanno visto molto partecipe delle vicende legate alla sorte della squadra di calcio della mia città dando l’impressione più di essere un contradaiolo che un pacifico e tranquillo ingegnere che periodicamente si passa il tempo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.