Iacp Messina si fa avanti per acquistare l'ex Hotel Riviera :ilSicilia.it
Messina

proposta ufficiale al sindaco De Luca

Iacp Messina si fa avanti per acquistare l’ex Hotel Riviera

di
20 Gennaio 2020

L’Iacp di Messina è pronto a rilevare la proprietà dell’ex Hotel Riviera di Messina, da tanti anni ridotto in stato di assoluto abbandono e degrado. Ad ufficializzare la notizia è stato il sindaco Cateno De Luca, mostrando sul suo profilo social copia dell’apposita istanza fatta pervenire alla casa municipale dall’Istituto Autonomo Case Popolari.

“Stamattina Iacp di Messina, per conto dell’Assessorato Regionale Infrastrutture – afferma De Luca – ha inoltrato la manifestazione per l’acquisto dell’ex hotel Riviera, di proprietà della Città Metropolitana. Abbiamo lavorato gomito a gomito con l’assessore Marco Falcone ed i vertici di Iacp, direttore generale Maria Grazia Gicobbe ed il commissario Leonardo Santoro per impostare questa strategia. L’investimento complessivo, tra acquisto e riqualificazione, si aggira a circa 20 milioni di euro con un finanziamento destinato a realizzare parcheggi, appartenenti per giovani coppie, servizi per l’infanzia e ripristino del Ristorante sullo stretto il famoso Galeone”.

“Dopo 30 anni di scempio possiamo dire di aver risolto anche questa vergogna con la nostra politica del fare. Ringrazio tutti per questa grande opportunità per la Città di Messina”, ha aggiunto il primo cittadino.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.