Identificate le spoglie di Sebastiano Tusa, telefonata dalla Farnesina :ilSicilia.it

sono i primi dati ufficiali dalle comparazioni dei dna

Identificate le spoglie di Sebastiano Tusa, telefonata dalla Farnesina

28 Giugno 2019

Sono stati identificati i resti del prof. Sebastiano Tusa, vittima della strage aerea della Ethiopian Airlines dopo solo pochi minuti dal decollo da Addis Abeba lo scorso 10 marzo.

Con una telefonata fatta dal responsabile dell’Unita di crisi della Farnesina, a Valeria Li Vigni, moglie del famoso archeologo sarebbe stato comunicato l’esito tanto atteso che fa ben sperare nel rientro a Palermo delle sue spoglie.

Sono i primi dati ufficiali ottenuti dalle comparazioni del DNA sui 3.000 reperti apprezzabili raccolti sul luogo dell’impatto.

La società inglese incaricata delle analisi, ha stimato che entro ottobre saranno conclusi tutte le comparazioni con il dna fornito dalle famiglie delle vittime, così finalmente da poter restituire i corpi dei loro cari.

LEGGI ANCHE:

A Palazzo dei Normanni l’installazione in onore di Sebastiano Tusa | VIDEO e FOTO

Disastro Ethiopian Airlines: vittime ancora senza nome

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.