Ieri, oggi, domani, anche in Sicilia l'ascensore della politica scarica i renziani :ilSicilia.it

Poca gente e pochi big alla "Leopolda" siciliana di Faraone

Anche in Sicilia l’ascensore della politica scarica i renziani

di
6 Ottobre 2018

Una linea retta che congiunge la distanza tra il Teatro Santa Cecilia e l’Hotel delle Palme di Palermo si prende il compito di tracciare la differenza tra “l’ieri” e “l’oggi” della politica siciliana. Nel primo posto ieri si radunavano, con poco successo, le truppe sparse di quel che resta dei renziani in Sicilia, alla Leopolda del Sud. Dopo gli anni dell’escalation, della politica in via di affermazione e del governo Pd del Paese, per i renziani sono arrivati, non si può certo dire inattesi, i giorni in cui i numeri sono diminuiti, le folle placate, i professionisti e i questuanti, quasi del tutto improvvisamente scomparsi. Tra i deputati regionali intervenuti alla manifestazione voluta da Davide Faraone ieri c’erano Nello Dipasquale, l’ex parlamentari regionale Paolo Ruggirello, Oltre a Maurizio Carta, Dario Chinnici. Si rivedono ex come Pierferdinando Casini, luogotenenti renziani come Lorenzo Guerini e l’ex ministro Delrio. Nomi sparsi davanti a una platea che non cerca più un Messia.

Più o meno negli stessi minuti, all’Hotel delle Palme di Palermo Stefano Candiani, commissario regionale della Lega in Sicilia arringava una folla di amministratori locali, simpatizzanti, nuovi appassionati alla causa di Salvini. Oltre trecento persone, forse quattrocento in una sala gremita fino all’inverosimile. La speranza di una ripartenza si è plasticamente spostata anche nell’Isola. Viaggia da un lato all’altro, rimbalza fuori dalle ideologie e mette in fila i colpevoli, o quelli comunque che, nel giudizio sempre più veloce e severo degli elettori, vengono identificati ed elettoralmente puniti. Inesorabilmente.

Non è importante stabilire se una è un’assemblea di reduci e un’altra la prima tappa di una crescita che intercetta sempre più consenso, quanto capire quanta consapevolezza c’è oggi in chi va a compiere una scelta di militanza.

Ieri poi, quasi testimone simbolico e notaio della fine di un’epoca, ci ha pensato Gianfranco Miccichè, intervenuto alla riunione del Pd in qualità di ospite: “questi (Lega e 5stelle ndr) – ha detto – se si torna a votare prenderanno l’80% mentre noi stiamo qui a parlare di chi sarà il segretario del Pd o di Forza Italia. E sull’atteggiamento aggressivo di Lega e 5stelle ha poi ribadito: “Hanno trasgredito in Europa e non li può battere nessuno, se Berlusconi e Renzi avessero avuto il coraggio di fare 2 punti in più del rapporto deficit-Pil avrebbero governato 50 anni. Non so che succederà, so che abbiamo sbagliato, so che ci hanno fottuto diciamoci la verità”.

Il commissario di Forza Italia ha ammesso che al momento in Sicilia la casa dei moderati, così non può partire. E chissà se mai partirà. Mentre ai dirigenti e ai pochi curiosi della “Leopolda” siciliana non resta che applaudire il presidente Ars, cioè colui che un tempo fu uno dei principali nemici politici della sinistra.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin