Ikea sbarca a Palermo: nuovo stand al Forum, in attesa del sogno :ilSicilia.it
Palermo

L'accordo sugli svincoli di Brancaccio sbloccherà qualcosa?

Ikea sbarca a Palermo: nuovo stand al Forum, in attesa del sogno

17 Settembre 2018

Piccoli passi in avanti per l’arrivo di IKEA a Palermo. Il colosso svedese dell’arredamento sbarca finalmente nel Capoluogo dell’Isola, ma solo con la nuova area “Progetta e Arreda”, installata presso il Centro commerciale Forum di Brancaccio. Uno spazio in cui i visitatori possono essere guidati nella progettazione dei loro spazi domestici, con una consulenza d’arredo personalizzata.

In attesa di un nuovo punto vendita, dopo quello di Catania, IKEA decide dunque di avvicinarsi al target palermitano che rappresenta il 30% del fatturato del negozio catanese. Una mossa che testimonia l’interesse degli svedesi a non abbandonare una grossa fetta di utenza siciliana.

Da anni si parla del progetto di un nuovo IKEA in quella zona, tra Ciaculli e Roccella, ben servita dal punto di vista dei mezzi pubblici (capolinea Linea 1 del tram e fermata del passante ferroviario), ma anche appetibile sul piano logistico per la vicinanza con l’autostrada Palermo-Catania.

Il Comune di Palermo, pochi giorni fa, con un’apposita delibera di giunta, ha chiuso l’accordo per ultimare i tanto attesi svincoli di Brancaccio. Entro 3 mesi dovrebbe arrivare il nuovo progetto. Una volta realizzati gli svincoli, è probabile che IKEA si rifaccia avanti per mettere in atto il suo piano di espansione nell’Isola Nord-Occidentale.

Chissà se non sia la volta buona per realizzare questo sogno.

 

LEGGI ANCHE:

Ikea a Palermo, arriva l’ok del Comune. Il progetto tra sogno e realtà

Tag:
Cultura
di Renzo Botindari

Musica e Qualità di Vita

Oggi questa città ha più teatri “aperti”, ma nessuno di questi è dotato di una agibilità definitiva per il pubblico spettacolo, nell’attesa di lavori che comportano serie risorse dedicate e destinate alla loro messa in sicurezza. La musica, gli spettacoli meritano e necessitano di spazi propri sia per apprezzarne in pieno la qualità, sia per garantire quella trascurata dalle nostre parti “qualità di vita”, diritto di tutti.