Il 29 febbraio: curiosità e leggende del giorno che arriva ogni 4 anni :ilSicilia.it

Una data su cui indagare

Il 29 febbraio: curiosità e leggende del giorno che arriva ogni 4 anni

29 Febbraio 2020

Il 29 febbraio, escluso dalla filastrocca: “Trenta giorni ha novembre con april, giugno e settembre, di ventotto ce n’è uno, tutti gli altri ne han trentuno“, si potrebbe chiamare il giorno dei “non compleanni e, infatti, i ventinovini festeggiano il genetliaco, nel giorno della loro nascita, ogni quattro anni.

CURIOSITÀ:

  • I primi a introdurre un giorno in più furono gli antichi romani e, infatti, Giulio Cesare nel 46 a.C. aggiunse ventiquattro ore prima delle calende di marzo il “bis sexto Kalendas Martias“, da cui deriva l’aggettivo “bisestile“, che corrispondeva, però, al 24 febbraio; solo in seguito, divenne il 29. L’ultimo dictator della Repubblica romana sbagliò, però, i calcoli e, infatti, i giorni bisestili del calendario giuliano erano troppi. Fu Papa Gregorio XIII ad aggiustare il tutto facendo saltare i giorni dal 4 al 15 ottobre del 1582, stabilendo le regole del suo calendario, il gregoriano, che seguiamo ancora oggi.
  •  Nel 1712 in Svezia e nel 1903 e nel 1931 nel calendario rivoluzionario sovietico, comparve un 30 febbraio.
  • Gioacchino Rossini nacque a Pesaro il 29 febbraio del 1792.
  • Una famiglia irlandese è entrata nel “Guinness dei primati” nel 2016 per aver avuto ben tre generazioni nate in questa data: il nonno Eric Keogh, il figlio Peter e la nipote Bethany.
  • In America i “ventinovini”, orgogliosi del loro giorno fantasma, hanno fondato “l’Honor Society Leap Year Day Babies”, un club che ha per mascotte una rana salterina. Perché vi starete chiedendo? E’ presto detto: in Inghilterra l’anno bisestile è chiamato “leap year” cioè anno le salto.
  • Nella città basca di San Sebastian, vent’anni fa, è nato il “Club Mundial de los bisestos“.
  • Salterino è, anche, il “Leprotto bisestile” o “Lepre marzolina”di Alice nel Paese delle Meraviglie.
  • Secondo un’antica tradizione irlandese il 29 febbraio le donne devono chiedere la mano dei fidanzati con il permesso di San Patrizio che stabilì questa legge, nel V secolo, pressato da Santa Brigida, per quelle donne rimaste troppo a lungo senza anello di fidanzamento. Secondo un’antica leggenda, inoltre, la regina Margaret di Scozia, nel 1200, stabilì che gli uomini che rifiutavano la proposta in questo giorno dovevano pagare una multa. Secondo un’altra, se il fidanzato rifiuta deve pagare pegno, comprando alla sua bella 12 paia di guanti, uno per ogni mese, per nascondere le mani prive di anello di fidanzamento.
  • Il 29 febbraio evitate di fare la proposta in Grecia perché è un giorno considerato non molto fortunato per i matrimoni; nella famiglia Patti Holmes, invece, ci si sposa proprio in questa data.
  • In alcuni posti è chiamato “Bachelor day“, ovvero il giorno degli scapoli.
  • Nella zona di Reggio Emilia, il bisestile viene chiamato “anno della balena” perché secondo una credenza popolare questo cetaceo partorisce ogni quattro anni.
  • Chi nasce il 29 febbraio per festeggiare il compleanno può avere due soluzioni, entrambe simpatiche: acquistare un anno ogni quattro, elisir di giovinezza, oppure festeggiare dal 28 febbraio al primo marzo.
  • Il 29 febbraio si festeggiano Sant’Augusto Chapdelaine, Sant’Ilaro Papa, Sant’Osvaldo di Worcester, Beata Antonia di Firenze, che negli altri anni vengono aggregati ai Santi del giorno prima.

Buon 29 febbraio a tutti.

© Riproduzione Riservata
Tag:
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.