Il bando per lustrascarpe che avrebbe inorridito Marx e Fidel | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Il commento

Il bando per lustrascarpe che avrebbe inorridito Marx e Fidel

di
25 Gennaio 2017

 

Laureati in corsa per un posto di lustrascarpe. Il titolo di giornale sembra una barzelletta, una di quelle boutade lanciate lì per strappare qualche click e pochi sorrisi. Invece la faccenda è poco seria e molto grave, perché a volte un articolo aiuta più di una ricerca accademica a capire dove va il mondo.

Quello del lustrascarpe è un mestiere antico, quasi scomparso, che merita lo stesso rispetto che si deve a qualsiasi altro lavoro umile e al tempo stesso importante. Meno essenziale di altri servizi, forse, ma degno di considerazione. Nulla da eccepire sull’iniziativa di Confartigianato Palermo.

lustrascarpeCiò che lascia basiti è il fatto che a “correre per il posto”, nell’indifferenza generale, pare siano molti laureati più o meno giovani. Nessuna reazione degna di nota, a questa notizia, da parte della sedicente classe politica cittadina, sempre pronta a intervenire su tutto ma stavolta muta e silente; anzi, si può supporre, pronta a tuffarsi a pesce in questa nicchia preelettorale pregna di nuove, affollate clientele (“prepara la domandina, poi ci parlo io”), fatte di ingegneri scartati dal McDonald’s e di laureate in lettere appena scaricate dal call center di turno, di esauste insegnanti a gratis delle scuole paritarie e dottori-commessi-camerieri malpagati e sfruttati nei negozi e pub del centro storico.

Sembra già di vedere le prime interviste ai nuovi sciuscià, sui notiziari regionali e nelle web tv, che presidiano emozionati le loro postazioni nuove di zecca nei punti nevralgici della città e spiegano, col tipico idioma della Palermo bene, come applicheranno le teorie keynesiane al business plan della loro start-up. Il tutto mentre, chini e sottomessi, lustrano un inguardabile stivaletto al ragazzo dei quartieri in libera uscita il sabato pomeriggio, portafogli pieno e terza media da privatista, in un rovesciamento di ruoli sociali che Marx e Fidel Castro non avrebbero neppure osato profetizzare.

Hanno fallito, abbiamo fallito, tutti: non solo la nostra miserabile classe politica, ma un’intera generazione di genitori, insegnanti, imprenditori e cittadini che l’ha messa lì, a non-fare. Una generazione altamente scolarizzata ma profondamente ignorante, cresciuta in un benessere effimero, incapace di capire il presente e preparare il futuro, di tenere la testa alta e la schiena dritta. Una generazione che ha fatto studiare i propri figli, ma ha trascurato di coltivare e trasmettere loro valori importanti come l’aria: il senso della dignità, il rispetto di sé.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin