Il Biancomangiare, il delizioso dolce al cucchiaio delle nostre nonne | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Indimenticabili sapori della tradizione

Il Biancomangiare, il delizioso dolce al cucchiaio delle nostre nonne

di
30 Luglio 2018

La vostra Patti Holmes, per il suo compleanno, invece della solita torta, ha deciso di preparare con le sue manine il biancomangiare, un delizioso dolce al cucchiaio che le preparava la nonna e il cui nome deriva dal suo candido colore, simbolo di purezza e misticità. Questa ricetta di origine arabo-francese, che in passato prendeva il nome di “blanche mangieri“, comprendeva una serie di piatti “bianchi”, con una versione salata e due dolci, adatti a persone in convalescenza che accusavano problemi di stomaco o che, comunque, necessitavano di un’alimentazione leggera.

I primi ricettari occidentali a proporlo furono: Il Liber de Coquina e dei manoscritti oggi noti con il nome di Anonimo Meridionale, entrambi redatti tra XIII e XIV secolo alla corte di Napoli; Il Libro novo del gentiluomo Cristofaro di Messisbugo, a servizio presso la corte ferrarese e La Scienza in cucina e l’Arte di mangiar bene di Pellegrino Artusi.

In Sicilia il biancomangiare fu subito visto come un dolce, tanto che nel ‘700, grazie alle abili mani delle monache di clausura del Monastero di Santa Caterina, divenne uno di quelli che Giuseppe Pitrè vanta nel suo libro “La vita in Palermo cento e più anni fa“. Ce lo ricorda, inoltre, anche Giuseppe Tomasi di Lampedusa nel “Gattopardo“, quando lo fa gustare a Don Fabrizio Corbera, principe di Salina, durante il famoso ballo, citandolo come un dolce raffinato ed elegante.

Due sono le versioni, con latte di mandorla e latte vaccino. Io, seguendo la ricetta della nonna, ho utilizzato il secondo.

 

INGREDIENTI
1 litro di latte
120 g amido per dolci
1 limone
cannella q.b
1 bustina di vanillina
zucchero a piacere (in base ai vostri gusti)
codette colorate

 

PREPARAZIONE

  • In una ciotola versate il latte e lo zucchero.
  • Ponete dentro un colino, versando l’amido, e con un cucchiaio fatelo sciogliere.
  • Grattugiate la scorza di un limone, aggiungete una bustina di vanillina o qualche goccia di aroma alla vaniglia.
  • Ponete sul fuoco a fiamma bassa e quando il biancomangiare si sarà addensato, spegnere e lasciarlo raffreddare. Solo dopo aggiungere le codette colorate.

Buon Biancomangiare,  gustoso tuffo nel nostro passato.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin