Il bilancio di Orlando sulla 'sua' Palermo: "Se muoio stanotte, muoio felice ma..." :ilSicilia.it
Palermo

Il fatto

Il bilancio di Orlando sulla ‘sua’ Palermo: “Se muoio stanotte, muoio felice ma…”

di
1 Ottobre 2021

Resta sulla cattedra, stavolta per dare i voti a sé stesso. Il professore Leoluca Orlando, fa un bilancio di oltre 40 anni di impegno politico a Palermo: “Consegno una città all’avanguardia in termini culturali e sul piano dei diritti ma non altrettanto avanti in termini economici”, ha detto il primo cittadino, a margine di un incontro con il Direttore della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, Antonio Parenti.

Ecco dunque il principale rammarico di Orlando: “C’è un tempo per ogni cosa. Se muoio stanotte muoio felice. Missione compiuta ma non completata. La città ha bisogno di molte cose ma, credo che abbiamo vissuto un’esperienza straordinariamente importante che ci consente di guardare al futuro con un background culturale diverso. Palermo viene percepita come una città che domani sarà meglio di oggi. Coltiviamo la speranza che si possa superare la condanna che “cu nasci tunnu un pò moriri quatratu”.

L’incontro con Parenti, è un occasione per parlare di Europa, di opportunità e di criticità. “L’Unione Europea – prosegue Orlando – è il mondo che vorrei, un mondo di eguali, senza frontiere, del rispetto: una patria delle patrie. Sul tema dei diritti, Palermo è più avanti rispetto all’Europa anche grazie alla sofferenza delle vittime della mafia e dei migranti, è all’ avanguardia in termini culturali ma non in termini economici. E’ la nostra sconfitta“.

La nuova primavera di Palermo, il riscatto economico della città, potrebbe arrivare già nel 2022, proprio nell’anno – ironia della sorte –  dell’addio (quasi) definitivo di Orlando. A sottolinearlo, il Direttore della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, Antonio Parenti che ha detto: ” Il mezzogiorno è per l’Europa una grandissima opportunità. Il Next Generation EU,  declinato in Italia nel Pnrr, vede quasi il 40 per cento delle sue risorse devoluto al Sud per grandi opere da realizzare al massimo in sei anni. Il prossimo anno, come ricordato dal Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, sarà l’anno dei giovani. A questi, le politiche dell’Unione dovranno restituire con gli interessi, quanto oggi stanno sacrificando per rilanciare l’economia post pandemia”.

E poi c’è la questione immigrazione, altro tema caldo che unisce a doppio filo Palermo e l’ Europa. “Siamo davanti a visioni diverse. Sul tavolo della Commissione europea, da oltre un anno c’è un progetto che fatica ad avanzare. Abbiamo bisogno di cambiare approccio e di vedere la questione in maniera egoistica. Siamo un continente che sta invecchiando, serve nuova linfa. Certo, l’immigrazione va governata ma è necessario vederla come  un’ opportunità e non più come un problema. L’esperienza di Palermo può stimolare un accordo da raggiungere nel più breve tempo possibile e voltare pagina”, ha concluso Parenti.

Infine, il sindaco di Palermo, nel ricordare quanto Palermo senza l’Europa morirebbe, sottolinea un’altra necessità che segna un ulteriore passo in avanti nella costruzione di un progetto migliore. “L’Europa, dice Orlando, deve cessare di essere un  riferimento finanziario per diventare riferimento culturale. Chi ha immaginato il superamento dei confini dopo la seconda guerra mondiale, immaginava di abbattere le frontiere in nome di una dimensione economica. Con l’euro questo percorso si è concluso e si è aperta la strada dei diritti. La pandemia ha consegnato all’Europa nuovi equilibri politici. Le elezioni del Parlamento europeo hanno fugato i rischi di populismo, costringendo tutti a un cambio prospettiva.  E’ tempo di superare due meccanismi di cui l’Europa è stata vittima: l’unanimità, che consente a piccola minoranza di bloccare il cambiamento e il sistema degli assi. Mi auguro che il nuovo governo tedesco, rinunci a un po’ di egemonia per un maggiore coinvolgimento altrui”.

Immancabile la battuta sul futuro che potrebbe vedere l’ormai uscente Orlando in corsa per una nuova campagna elettorale . Sono pronto a candidarmi come presidente del mondo ma non esiste. Mi auguro però che qualcuno realizzi questa posizione”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin