Il bombardamento su Palermo del maggio 1860 | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Il bombardamento su Palermo del maggio 1860

12 Luglio 2019

Il 27 maggio 1860, le truppe garibaldine, guidate dal loro condottiero, irrompono a Palermo attraverso Porta di Termini.

La città era intanto insorta, dovunque si innalzano barricate, e il popolo in arme, perfino preti e monaci, affronta i soldati regolari. Il comandante della piazza di Palermo, generale Ferdinando Lanza, perde il controllo della situazione e, nella concitazione del momento, assumendosene la responsabilità, ordina alle batterie del forte del Castello a Mare e a quelle della squadra navale di puntare i cannoni e far fuoco sulla città per colpire gli acquartieramenti del nemico.

Le bombe piovono su Palermo, cadono sulle case, cadono sugli ospedali, cadono sulle chiese, un bombardamento indiscriminato che rade al suolo interi quartieri e che provoca un numero imprecisato, ma in ogni caso molto alto, di vittime. Un bombardamento che indigna, per la sua efferatezza i tanti osservatori diplomatici stranieri che, insieme ai loro concittadini, si erano rifugiati sulle navi da guerra che erano state fatte confluire in quei giorni a Palermo per tutelare i loro interessi.

Quel bombardamento provocò lo sdegno perfino dei filo borbonici, non è un caso che il cappellano militare, don Giuseppe Buttà, definirà nel suo Un viaggio da Boccadifalco a Gaeta… “il massimo del delitto, dell’infamia e della pazzia”.

Quel bombardamento, deciso senza avere richiesto l’assenso di Francesco II, addolorò particolarmente il sovrano che da Napoli fece pervenire l’ordine di non ripetere azioni di quel tipo. Quel bombardamento, infine, costituì il punto più alto della lacerazione dei rapporti fra Palermo e i Borbone. Il 30 maggio, a seguito di un armistizio mediato dai diplomatici inglesi, i cannoni cessarono di vomitare micidiali bombe su Palermo che offriva una immagine da apocalisse. “La bellissima metropoli dell’isola – scrisse l’ammiraglio inglese  Rodney Mundy – presentava uno spettacolo da lacerare il cuore”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.