Il boss Leoluca Bagarella aggredisce a morsi un agente di polizia penitenziaria :ilSicilia.it

l'episodio nel carcere di sassari

Il boss Leoluca Bagarella aggredisce a morsi un agente di polizia penitenziaria

di
17 Gennaio 2020

Il boss Leoluca Bagarella, cognato di Totò Riina, che sta scontando diversi ergastoli per avere fatto parte della cupola di Cosa nostra, ha aggredito un agente della polizia penitenziaria con un morso.

L’episodio è avvenuto nel supercarcere di Sassari, dove il boss corleonese è detenuto in regime di 41 bis: in pratica, Bagarella stava per essere trasferito dalla sua cella alla saletta delle videoconferenze, per assistere all’udienza del processo d’appello per la “Trattativa Stato-mafia”, ma vi sarebbe stato un diverbio con la guardia.

Infatti, improvvisamente, il capomafia è andato in incandescenze mordendo l’agente, che è rimasto lievemente ferito. Anche il boss è stato trasferito in infermeria, a causa del profondo stato di agitazione seguito al diverbio.

Leoluca Bagarella, alla fine, ha anche rinunciato a partecipare all’udienza, che è iniziata con diversi minuti di ritardo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro