Il cannolo siciliano, ecco come si prepara | VIDEO :ilSicilia.it

bontà della nostra regione con un pasticcere d'eccezione

Il cannolo siciliano, ecco come si prepara | VIDEO

di
15 Aprile 2020

Guarda il video in alto

Da oggi, con questo video sulla preparazione del cannolo, inauguriamo questa nuova rubrica sulla preparazione dei dolci, che nasce grazie alla collaborazione con “Dulcis inside“, fondato da Giuseppe Marrone, pasticcere palermitano trapiantato ormai da più di 5 anni a Milano, e da sua moglie Emanuela Bova Conti.

*****

“Io sono nato in Sicilia e lì l’uomo nasce isola nell’isola e rimane tale fino alla morte, anche vivendo lontano dall’aspra terra natìa circondata dal mare immenso e geloso. (Luigi Pirandello)

Tra mito e realtà si snodano storie e racconti sui cannoli e sulle sue origini. In quel di Caltanissetta tra XVI° e XVII° secolo, ci troviamo in un harem di un sultano e accade che le sue concubine, per entrare nelle sue grazie, gli prepararono proprio dei magnifici cannoli.

A Carnevale ogni scherzo vale e allora ecco che, secondo un’altra leggenda, il cannolo prende il suo nome dal rubinetto da cui “per scherzo” si fece fuoriuscire della candida crema di ricotta al posto dell’acqua.

A dar credito all’etimologia, veniamo condotti sulle rive di un fiume, dove “la canna di bambù”, una volta spezzata diventa l’oggetto su cui si arrotola la pasta. E da qui nasce la parola “cannolo” indicando proprio una piccola canna mozzata. Gli antropologi, dal canto loro, videro nel cannolo e nella sua forma un forte richiamo alla fecondità, un simbolo alla prosperità. Ecco perchè in tutti i miti, spesso il cannolo viene associato alle donne, che incarnano proprio il valore della fecondità.

Se il mito ci culla con le sue storie, è la realtà di sicuro a esaltare il mito dei cannoli, perché la loro ricetta ci parla di radici e territorio e ancora di profumi che riecheggiano la storia. Un cannolo è la fotografia della Sicilia, i pascoli ci danno una materia prima “la ricotta” che gli Arabi seppero condire con il miele, regalandoci l’ambrosia siciliana. La frittura il “leit motiv” delle prelibatezze sicule, fissa sulla “scoccia” del cannolo le riconoscibili bollicine, tutte diverse quasi a simboleggiare le variopinte personalità dei siciliani. E ancora lasciamoci inebriare dai canditi di arancia e dalla granella di pistacchio, tra profumi e sensazioni, come a voler lasciare un marchio indelebile “il territorio” adagiato sul morbido letto di ricotta. “Cui nun ni mancia, si fazza ammazzari” così recita un proverbio siciliano, riferendosi ai cannoli, e allora perché non prendere spunto da questo video per appagare il nostro senso “di appartenenza”.

 

Il team di Dulcis Inside

Giuseppe Marrone

Emanuela Bova Conti

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

La stramberia dello stop alla Ztl notturna a Palermo

E’ possibile che questo sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, non riesca a mettere un freno alle stramberie del suo assessore alla Mobilità, Giusto Catania? Evidentemente, non ha una grande considerazione per i palermitani, proponendo l’abolizione della Ztl nella fascia oraria notturna
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.