Il cantiere infinito della Palermo-Agrigento: verso i licenziamenti e il rischio incompiuta [VIDEO] :ilSicilia.it
Agrigento

Ipotesi stop da aprile, le paure dei sindacati

Il cantiere infinito della Palermo-Agrigento: verso i licenziamenti e il rischio incompiuta [VIDEO]

7 Febbraio 2018

Cantieri, deviazioni e semafori: per fare 127 km da Palermo ad Agrigento si possono impiegare anche 3 ore. Mentre la politica continua a parlare del Ponte sullo Stretto, sulla SS121 Bolognetta-Lercara il cantiere non vede la fine. Anzi, si fa sempre più concreta l’ipotesi dei licenziamenti degli operai edili della Bolognetta Scpa.

Marco Falcone
Marco Falcone

I sindacati degli edili Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil chiedono un incontro all’assessore regionale Infrastrutture Marco Falcone ed esprimono, nella loro lettera, preoccupazione per lo stato dei lavori di ammodernamento della strada statale 121 Palermo–Agrigento nel tratto Bolognetta–Lercara Friddi, secondo lotto.

La richiesta arriva in seguito allo scongiurato pericolo del licenziamento anticipato, da aprile a gennaio, di 28 lavoratori e all’eventualità, annunciata dalla contraente generale, la società Bolognetta Scpa, di dover ricorrere alla sospensione del cantiere da aprile.

Per evitare i licenziamenti, la settimana scorsa è stato concordato con il contraente generale la collocazione in ferie per due settimane dei lavoratori eccedenti. La situazione di emergenza è da ricondurre, secondo l’azienda, al mancato incasso degli stati di avanzamento lavori e all’impatto della perizia di variante sui lavori che ricadono nei tratti stradali limitrofi interessati da un eventuale adeguamento tecnico del progetto.

“Tale situazione del cantiere ha avuto pesanti conseguenze sui lavoratori delle aziende affidatarie, che hanno sospeso le attività licenziando tutti gli operai – denunciano Ignazio Baudo, Paolo D’Anca e Francesco Piastra, per Feneal Uil, Filca Cisl e Cgil Palermo – L’area del cantiere, che interessa un tratto di 34 Km da Bolognetta a Lercara Friddi, impatta negativamente e pesantemente sulla viabilità, creando una situazione di disagio dei cittadini che la precorrono e un danno economico alle attività produttive del comprensorio”.

Una precedente richiesta all’assessorato, unitamente all’Anas e al contraente generale, era stata già chiesta dai sindacati prima della pausa estiva.


Guarda in alto il video della campagna #TgrStradedItalia

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona