Il Caos firme manda in tilt il M5S, tra sospensioni e comunarie | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

La sospensione degli indagati è stata imposta dai probiviri

Il Caos firme manda in tilt il M5S, tra sospensioni e comunarie

di
3 Dicembre 2016

“Non ci sono pesi e misure differenti, noi abbiamo agito perché vogliamo vederci chiaro. Da noi si agisce prima delle sentenze, dagli altri le condanne fanno fare carriere”. Luigi Di Maio dixit. Eppure, la realtà dimostra che non è proprio così. Sul caso delle firme false, al vertice dei 5stelle regna un po’ di confusione. E pesi e misure differenti su deputati e attivisti coinvolti ci sono stati.

Dopo l’invito agli indagati a sospendersi fatto dal capo Beppe Grillo è successo un po’ di tutto. A quell’appello ha risposto Claudia La Rocca che si è auto-sospesa dopo aver scelto di collaborare con i pm di Palermo ammettendo la sua partecipazione alla ricopiatura delle firme, quattro anni fa nelle stanze della sede di via Sampolo che il Movimento 5stelle aveva trasformato nel comitato elettorale. Stessa scelta ha compiuto l’altro deputato regionale, Giorgio Ciaccio, anche lui indagato e anche lui tra i grillini che hanno collaborato con inquirenti. Per gli altri la storia è un po’ diversa. I deputati nazionali, indagati dalla Procura, Riccardo Nuti e Claudia Mannino non hanno accolto l’invito all’auto-sospensione, hanno negato il coinvolgimento nello scandalo, hanno querelato l’attivista Vincenzo Pintagro che li ha accusati e davanti ai pm si sono avvalsi della facoltà di non rispondere.

A sospenderli dal M5s sono stati i probiviri del movimento; stesso provvedimento è stato adottato per la deputata Giulia Di Vita, giunto ancor prima che la donna ricevesse l’avviso di garanzia, notificato solo in seguito. Anche l’attivista Samantha Busalacchi, pure lei indagata, è stata sospesa dai probiviri mentre non risulta alcun provvedimento per Riccardo Riccardi, l’attivista, indagato dai pm, che consegnò in cancelleria gli elenchi con le firme. Ricciardi, marito della deputata Loredana Lupo (non indagata), era uno dei papabili alla candidatura di sindaco, il suo curriculum è tra i 120 in mano alla staff del Movimento per le comunarie, il sistema con il quale i grillini dovrebbero scegliere il candidato a sindaco e quelli per il consiglio comunale per le elezioni amministrative a Palermo della prossima primavera.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.