Il cappello esalta la propria personalità senza sedurre :ilSicilia.it

Il cappello esalta la propria personalità senza sedurre

di
15 Giugno 2020

Oggi mi sento in modalità easy e pertanto vi intratterrò con una riflessione da… chapeau!

Io amo molto i cappelli di cui possiedo una bellissima collezione per tutte le occasioni. Come in ogni cosa, però, penso sia necessario fare chiarezza sui significati che si nascondono dietro questo accessorio. I luoghi comuni danno l’illusione della conoscenza mentre non fanno altro che mostrare quanto è chiusa una mente. L’unico modo per conoscere è lo studio dell’argomento oltre che della persona anzi che basare il proprio giudizio su preconcetti errati. Come si suol dire, ognuno vede quello che gli fa comodo vedere! Riportandovi la mia esperienza, non mi chiedono perché indosso il cappellino ma mi dicono direttamente, con l’espressione falsamente dispiaciuta, come se gliene importasse veramente qualcosa della questione: “Perché nascondi gli occhi? Sono così belli!”. Questa usanza di mettere la gente con le spalle al muro non è solo di cattivo gusto ma è emblematicamente ectopica. Dal punto di vista clinico, chi me lo chiede ha qualcosa che non va (per es., è invidiosa e vuole sminuire). Una persona serena ed educata non (si) pone simili domande.

Facciamo chiarezza, dunque: a cosa serve il cappellino? Perché lo si indossa? Chi lo porta? I cappelli hanno vissuto periodi di grande splendore, Ziza, fino agli anni sessanta in cui non mostrarsi a capo scoperto era una norma di buona educazione. Oggi portare il cappello è una scelta e una tendenza particolare del momento. L’intento più comune è quello prettamente pragmatico di proteggersi dalla pioggia, dal vento o dal sole, specialmente in bicicletta. È un capo di abbigliamento che esprime carattere, prestigio, autorità (Marinella Calzona) e, a seconda di chi lo porta e come, potrà anche creare un piacevole alone di mistero attorno a sé. Lo si può anche indossare come una maschera che, da un lato, sottolinea una forte personalità e, dall’altro, funge da protezione dagli sguardi indiscreti e, in qualche misura, riduce la possibilità di entrare nell’intimità della persona che lo porta senza che si sia autorizzati. Insomma, io lo considero una sorta di burga o di velo.

Il cappello è un’ottima strategia per avere i capelli sempre a posto e io, avendo la frangia, ci tengo particolarmente, soprattutto quando pratico sport, che il mio look sia impeccabile e femminile. Mi piace, insomma, sentirmi sicura di me, con o senza adornamenti! Quando ci si sente imbarazzati non lo si è nel corpo ma in testa. Il cappello, quindi, non solo può fare da riparo ma costituisce semplicemente uno stile e un modo di vestirsi che valorizza la propria essenza. Immaginando un enneagramma, i tratti di personalità che spiccano in chi ne fa un elemento distintivo sono quelli narcisisti, ossessivi e paranoici. Il profilo psicologico può essere quello di una persona determinata, sopra le righe, originale, riservata, selettiva e con convinzioni chiare su cosa vuole e chi le può togliere ogni velo.

Siamo nel 2020, oltre che nella nostra amata isola, eppure vi dico che l’ultimo ragazzo con cui ho avuto una storia, quando gli ho detto che per me è come un burga, ha sbarrato i suoi bellissimi occhi blu e mi ha stretta a sé come se avesse trovato in me il suo ideale di donna. Ci sono diversi livelli di confidenza fra le persone, la relazione si costruisce con il tempo ed è giusto crearsi delle barriere difensive. La testa di una donna, inoltre, è indubbiamente uno degli elementi di fascino e seduzione muliebre che non tramonterà mai. Sciogliere i capelli, toccarseli, scoprire il collo, oscillarli a destra e a sinistra sono movimenti caratteristici della danza della fertilità, Na’ ashat, tipica degli emirati arabi.

Probabilmente, risento dei modelli culturali trasmessi transgenerazionalmente e questo non mi rende affatto una persona sempre rigida ma solo quando mi sembra assolutamente corretto esserlo. Il cappello non si può paragonare a una parrucca che rappresenta, al contrario, un attacco alla propria identità o una necessità che non valorizza ma rende ancora più insicuri e a disagio (Mauro Mancia). Ovviamente esiste un bonton anche nell’uso dei cappelli: una donna può sedersi al ristorante con il cappello ma deve toglierlo in ambienti, come cinema e teatro, dove impedisce la visuale a chi è dietro di lei.

Any way, vi assicuro che è piacevole fingere di non accorgersi di qualcuno grazie alla possibilità di abbassare la visiera, senza apparire maleducati!

Si capisce benissimo quando viene usato perché non ci si accetta e ci si nasconde e non, invece, per valorizzarsi, mettere in risalto, curare gli abbinamenti ed essere alla moda. Basta guardare l’insieme della persona per comprendere che fa parte del suo stile. Come disse la mitica Audrey Hepburn: la moda può essere comprata, lo stile bisogna averlo ed è la sola bellezza che non sfiorisce mai. Come lei è riuscita a divenire un’icona per la sua originalità e unicità nel vestire, anche io, senza acritico eccesso di benevolenza nei miei confronti, mi auguro di avere inventato uno stile che mi renda indimenticabile.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi
Banner Telegram

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin