18 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.15

Si apre la delicata fase del dopo-voto

Il ‘cappotto’ del M5s è il promemoria più chiaro per Sergio Mattarella

6 Marzo 2018

A tessere le fila del dopo-voto sarà il siciliano più illustre dello Stivale. Sergio Mattarella da Palermo, uno che ne ha viste più di qualcuna: salendo sul colle più alto sapeva che un giorno come quello vissuto ieri dagli italiani sarebbe potuto arrivare con grande probabilità.

Partirà da un incarico esplorativo? Proverà subito a rompere gli indugi dando mandato al governo di coalizione con il centrodestra? Attenderà oltre il dovuto, facendo stemperare gli animi?

Lo vedremo a suo tempo. Forse non prestissimo. Certamente non subito.

Chissà se peseranno, nelle considerazioni del presidente della Repubblica, i numeri che risuonano, pesantemente, del 28-0 che incidono forse anche più del 61-0 del 2001, posto che a infliggere il cappotto è stato il Movimento 5 stelle e cioè la lista non in coalizione che ha battuto le coalizioni. (Nel 2001 autore del risultato fu il centrodestra).

Un fatto è certo,  gli italiani, e tra questi, in massa i siciliani, hanno deciso di procedere col voto per tentativi. Andando quasi per esclusione. Da un profeta all’altro, da una nemesi a un’auto-punizione, almeno nel recente passato. Da ieri le scuse sono finite anche per i due partiti più vicini alle logiche anti-sistema, M5s e Lega di Salvini (in Sicilia per lui un buon 5%).

Le rendite di posizione “parassitarie”, come le ha definite Antonello Caporale, a proposito di M5s e Lega, basate sul fatto di non avere assunzioni di responsabilità legate all’azione di governo devono considerarsi concluse.

Niente alibi più per nessuno.

Ha ragione inoltre il leader dei 5stelle in Sicilia Giancarlo Cancelleri, che ieri, in una nota, ha detto chiaramente, che il voto espresso sui 5stelle non è un voto di protesta, ma una richiesta di affidare precise responsabilità di governo.

Se anche non fosse così, con i numeri che sono usciti dalle urne c’è poco da fare filosofia. La democrazia si basa sui numeri e non sulle sfumature.

Mattarella sa questo e sa tutto il resto. E ne terrà ampiamente conto quando sarà il momento.

La Sicilia è un chiaro promemoria.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.