"Il Capuliato": una bontà che profuma di Sicilia | LA RICETTA :ilSicilia.it

Tu chiamale se vuoi... Evasioni

“Il Capuliato”: una bontà che profuma di Sicilia | RICETTA E VIDEO

di
1 Maggio 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Da amanti di questa nostra isola, il nome che portiamo lo dimostra, vogliamo cominciare questo nostro racconto con  “Lo Stretto necessario” che, cantata da Levante e Carmen Consoli, la cantantessa, scritta dalla stessa cantautrice, il cui nome è Claudia Lagona, con Dimartino e Colapesce, tutti siculi Doc,  racconta la nostalgia e la magia di questa terra: “Dolce come zàgara, la via del ritorno di chi parte e resta sempre qua perché ho dovuto perderti per ritrovare il bello di te? Ma proverò a difendere lo stretto necessario che c’è“.

Ad accompagnare questo brano, un bellissimo video in cui al centro c’è la Sicilia a 360°, con la sua magia, i suoi chiaroscuri, i suoi scenari da favola e, su degli scogli, lo stretto necessario, dato da una spaghettiera in ceramica, un piccolo fiasco di vino verde e diversi piatti da riempire con bontà sicule, aggiungiamo noi.

Immaginatevi, adesso, di essere in questo magico luogo, mangiare con Levante, dea sicula per bellezza, charme e colori, e stupirla con la ricetta che vi proponiamo, quella  del Capuliato, musica nella musica che, oggi, l’ha fatta da padrona e rimanda a un’origine etimologica che è pura sinfonia.

ETIMOLOGIA

Presente nel latino volgare in cui la voce “capulare” indicava il “fare a pezzettini“, diventa “capolar” nel verno aragonese, mantenendosi tale in quello catalano e nello spagnolo castigliano. Ancora oggi, tanto in terra iberica quanto in quella sicula, il termine si riferisce all’ammorsellare, triturare. In siciliano “capuliato”, da “cappuliato”, lega due pietanze molto differenti tra loro, il classico macinato di carne (pensate alle polpette o alla pasta col ragù), al trito di pomodoro che, inizialmente, rosso vivo, per la marinatura in olio Evo, basilico, origano, aglio e altri aromi, vira a un colore più scuro.

Ottimo su tartine e bruschette, raggiunge l’acme come condimento per tutti i tipi di pasta e in particolare per gli spaghetti, il formato più amato dagli italiani, di cui vi diamo la ricetta, tanto semplice quanto gustosa.

Spaghetti cu’ capuliatu ri pumaruoru

Ingredienti per 4 persone:

·         400 grammi di spaghetti

·          capuliatu

·         facoltative, la mollica tostata e il formaggio pecorino grattugiato

Preparazione:

1.Fate rosolare uno spicchio d’aglio in olio extravergine di oliva e, non appena si sarà dorato, aggiungete il Capuliatu a crudo e amalgamate per bene.

2.Cuocete gli spaghetti al dente e saltateli in padella con il condimento.

3.Se volete dargli un quid in più, potete aggiungere pecorino grattugiato e mollica tostata.

Assaporate questo primo, ascoltate “Lo Stretto necessario” e sentirete la Sicilia con tutti i vostri sensi.

[La foto è tratta da www.fornellidisicilia.it]

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin