28 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.37

il ricordo del sindacato

Il carabiniere ucciso a Foggia, Virzì (Ugl): “Una vita umana vale il mondo intero”

14 Aprile 2019

“Una vita umana vale il mondo intero, sono queste le belle parole della Benemerita dedicate al Maresciallo maggiore Vincenzo Carlo Di Gennaro che voglio ricordare ed esternare a voi tutti tramite  l’Ugl, sempre vicina e sensibile all’operato vitale ed indispensabile  delle forze dell’ordine”.

A dichiararlo in una breve nota è il portavoce  dell’Ugl in Sicilia, Filippo Virzì a seguito dell’uccisione  di  Vincenzo Carlo Di Gennaro, maresciallo vicecomandante della stazione locale e del ferimento del  carabiniere Pasquale Casertano, colpito a un braccio e a un fianco. Quest’ultimo ha ricevuto la visita del  Comandante generale dell’Arma, Giovanni Nistri,  presso l’ospedale di San Giovanni Rotondo, che si è sincerato sulle sue condizioni di salute.

“Da carabiniere in congedo so che significa fare un posto di blocco e quanto la propria vita sia legata ad eventi inaspettati, il Maresciallo maggiore Vincenzo Carlo Di Gennaro, morendo in servizio nella piazza di Cagnano Varano in provincia di Foggia,  il paese dove lavorava presso la locale stazione carabinieri, rappresenta  un mondo che scompare”.

Lo ha ucciso barbaramente un uomo con precedenti penali, che ha estratto una pistola in occasione di un controllo e ha sparato ferendo anche un altro carabiniere, al quale vanno i nostri auguri di pronta guarigione”.

“Chiunque  abbia a cuore la giustizia e sa riconoscere il  vero e reale valore della vita – conclude Virzì – rimarrà per sempre  orfano di un servitore della Patria, questo è il pensiero dell’Arma dei Carabinieri che ci sentiamo di condividere in pieno”.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Decidere in quale corteo sfilare

Il 19 Luglio ci rammenterà che cosa significa essere servitore dello Stato anche quando questo sembra dimenticarsi di te. Grande ammirazione per un comandante che fa il suo dovere e va avanti per il suo credo nella sua rotta.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.