Il Carnevale di Acireale ricorda Margherita, Lorenzo ed Enrico :ilSicilia.it
Catania

Tanti gli eventi in nome della solidarietà

Il Carnevale di Acireale ricorda Margherita, Lorenzo ed Enrico

di
1 Marzo 2019

Del Carnevale di Acireale, uno dei più belli d’Italia, che catapulta in un clima di euforia e si svolge, quest’anno, dal 17 febbraio al 5 marzo, abbiamo già parlato; ma purtroppo, dopo la tragedia di Santa Maria la Scala, di domenica 24 febbraio, in cui hanno perso la vita Margherita Quattrocchi, Lorenzo D’Agata ed Enrico Cordella, che risulta ancora disperso, la realtà con tutta la sua crudezza è entrata a gamba tesa, cancellando la spensieratezza che il clima carnascialesco produce.

Il Carnevale di Acireale non è stato annullato, ma tanti sono stati gli eventi che, il primo cittadino, Stefano Alì, il presidente della Fondazione Carnevale di Acireale, Orazio Fazzio, il direttore artistico, Giulio Vasta, assieme ad Andrea Benanti, di Aci comics, e Francesco Cacciola, parte attiva dell’organizzazione,  hanno voluto dedicare ai tre ragazzi per ricordare quanto Acireale sia vicina alle famiglie e li abbia nel cuore. Il sindaco, il 27 febbraio, ha proclamato il lutto cittadino e una fiaccolata, nella frazione di Santa Maria La Scala, ha riunito la comunità in preghiera; giovedì 28 febbraio, lo spettacolo serale è stato interamente dedicato ai tre giovani prematuramente scomparsi.

Divertimento, quindi, ma non solo: la mattina del 28, infatti, maschere, coriandoli, allegria, bolle di sapone e la diavoletta “Lavica” hanno regalato un sorriso agli ospiti dell’AIAS di Acireale e, poi, in due diversi incontri ai piccoli ricoverati nei reparti di Neuropsichiatria infantile e di Pediatria del locale Ospedale. La mascotte in carne, ossa e sorriso, ha partecipato anche alla festa in maschera organizzata nel pomeriggio nell’Hotel Maugeri che ospita alcune famiglie di terremotati. Il Cda della Fondazione Carnevale di Acireale e il direttore artistico hanno deciso, proprio all’insegna della solidarietà, di ricordare Margherita, Lorenzo ed Enrico, ai quali saranno dedicati un minuto di silenzio, un lungo applauso, in occasione dell’inizio dei vari eventi in calendario, e le prossime edizioni del Carnevale acese. Cento palloncini bianchi, inoltre,  sono stati liberati in volo, nel pomeriggio del 28, per ricordarli all’inizio di Aci Comics & Games, parata in cosplay.

Il Comune di Acireale, su iniziativa del Lions Club e il Leo Club di Acireale, in sinergia con la Presidenza del Consiglio comunale e la collaborazione del consigliere comunale Fabio Manciagli, ha aderito, anche quest’anno, all’iniziativa “M’illumino di meno“, progetto ideato da “Caterpillar” di Rai Radio2, nel 2005, che, invitando i propri ascoltatori a spegnere tutte le luci che non sono indispensabili, fa bene al pianeta e a noi che lo abitiamo. Così, venerdi 1 marzo, il Palazzo di città e piazza Duomo, dalle 19 alle 19.15, si ritroveranno al buio, ma illuminati da candele che, simbolo della caducità della vita, ricorderanno, una volta di più agli acesi, Margherita, Lorenzo ed Enrico, troppo presto strappati alla vita.

Chiudiamo con una frase di Charles Baudelaire che ci ricorda quanto sottile sia il filo invisibile che unisce il di qua all’altrove: “Assai più che la Vita è la Morte a tenerci sovente con lacci sottili“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.