Il Carnevale di Sciacca: che bella invenzione | IL PROGRAMMA :ilSicilia.it
Agrigento

Dal 20 al 25 Febbraio

Il Carnevale di Sciacca: che bella invenzione | IL PROGRAMMA

18 Febbraio 2020

La nostra passeggiata approda nel territorio agrigentino per il bellissimo Carnevale di Sciacca, “città dalle mille meraviglie”, marinara, turistica e termale, ricca di storia, cultura e tradizioni.

Ancora una volta penetriamo in questo evento dalle forti radici socio-culturali, ponte tra realtà e fantasia, che il filologo, storico, antropologo italiano Piero Camporesi descrive così: “Festa di contestazione, di rottura, di rigenerazione sociale vissuta in un tempo ciclico di morte e di resurrezione, d’annientamento e di rinascita, il Carnevale esprime anche la voce dei gruppi sociali inferiori e l’opposizione della cultura popolare alle forme e alle immagini della cultura ufficiale“. Quasi a dire che oltre all’allegria c’è di più.

Il Carnevale di Sciacca

Il Carnevale di Sciacca, tra i più belli di Sicilia, si basa sulla recita di copioni inediti e trasforma la città in suggestivo palcoscenico grazie alla proficua interazione di architetti, ceramisti, carristi, ballerini, coreografi, registi, fonici, pittori e tanti altri attori fondamentali che hanno come scopo il successo di una manifestazione che ha una lunga storia che vi racconteremo. Il suo inizio è fissato per il Giovedì Grasso con la consegna simbolica delle chiavi della città a “Peppe Nappa”, il re del Carnevale. Da questo momento in poi il suo carro inizia a distribuire vino e salsicce alla brace per tutta la durata del Carnevale.

Dal 2011, inoltre, per combattere il diffuso fenomeno dell’alcolismo, si distribuisce anche aranciata. Chi è Peppe Nappa? E’ una maschera che deriva dalla commedia dell’arte del Seicento, un servo fannullone con un carattere molto pigro, che non esegue gli ordini del padrone, furbo, dormiglione, goloso, simbolo dei vizi più comuni. Cosa significa Nappa? In siciliano è la toppa dei pantaloni che sta a dimostrare le sue origini povere; il suo costume, infatti, è costituito da un vestito azzurro con dei grandi bottoni, una fascia al collo, maniche e pantaloni molto lunghi fino alla caviglia, in testa un cappello in feltro e ai piedi delle scarpe bianche con la fibbia.

Carnevale di Sciacca 2020

La trascinante allegria e i colori del Carnevale di Sciacca vi avvolgeranno dal 20 al 25 febbraio. Una festa lunga 6 giorni, ricca di appuntamenti imperdibili che, dopo il successo della scorsa edizione, anche quest’anno sarà organizzata dalla Futuris srls.

Protagoniste, come è ovvio, le sfilate dei maestosi carri allegorici, i coloratissimi gruppi mascherati, i coinvolgenti spettacoli sul grande palco di Piazza Angelo Scandaliato, che vedranno la presenza di ospiti di grande richiamo nazionale come il rapper Shade e la cantante Ana Mena. Testimonial della 120^ edizione sarà Sara Croce, volto della trasmissione di Canale 5 “Avanti un altro”, condotta da Paolo Bonolis. Quest’anno saranno ben 8 i carri allegorici in concorso, 5 carri e 2 minicarri che, accompagnati e preceduti dalla maschera di Peppe Nappa che, come da consuetudine, sarà mandata al Rogo il martedì notte, facendo calare il sipario sulla manifestazione. Adesso, con un salto temporale, andiamo alle sue origini.

Le origini

Il Carnevale di Sciacca fu citato per la prima volta, nel 1889, Giuseppe Pitrè che ne fece cenno nella sua opera più importante,”Biblioteca delle tradizioni popolari siciliane”. Sulle sue origini si fanno due ipotesi: una prima la farebbe risalire all’epoca romana, quando venivano festeggiati i Saturnali; una seconda, invece, al 1616 quando il Viceré Ossuna stabilì che l’ultimo giorno di festa tutti avrebbero dovuto vestirsi in maschera. Le prime manifestazioni sono ricordate come una festa popolare in cui il popolo si riversava per le strade, travestito in vari modi, consumando salsicce, cannoli e molto vino. Successivamente apparvero i primi carri addobbati alla meglio, che portavano i mascherati sulle sedie in giro per le viuzze della città.

Negli anni venti, invece, compare una grande piattaforma addobbata, trascinata da buoi o cavalli, che portava comitive in maschera che recitavano in dialetto locale, seguite da piccole orchestrine improvvisate. Nel dopoguerra i carri vennero intitolati e iniziarono a fare chiaro riferimento alle novità dettate dal progresso. Stelle filanti e coriandoli incominciarono ad essere lanciati dai carri in movimento, creando un clima di allegrezza che invogliava i partecipanti a divenire i veri protagonisti di una euforia collettiva. Dopo pochi anni sorsero le prime Compagnie di rivista e furono allestiti carri allegorici sempre più sofisticati che facevano riferimento a temi e personaggi locali in chiave satirica.

Con la sperimentazione dell’amplificazione sonora, il carnevale di Sciacca iniziò la sua inarrestabile evoluzione con carri in cui campeggiavano figure sempre più grandi e con movimenti sempre più perfezionati, la satira politica locale lasciò spazio a personaggi noti a un pubblico più vasto e a temi di attualità di respiro nazionale.

Il Museo del Carnevale di Sciacca

museo-del-carnevale-di-sciacc

Adesso, prima di lasciarvi al programma, penetriamo nello scrigno magico che custodisce la memoria di oltre 100 anni di storia di questa manifestazione che dà lustro alla Sicilia, un viaggio avvincente attraverso la storia di una vera e propria macchina del divertimento per grandi e bambini. Inaugurato nel 2010, al centro di un giardino che domina una terrazza sul mare, conserva al suo interno bellissime testimonianze, tra le quali una collezione di plastici che sono la riproduzione in miniatura dei Carri Allegorici che hanno partecipato alle precedenti edizioni. Sono opere d’arte realizzate interamente in ceramica, modellata e decorata a mano dagli artisti di Sciacca. Nel Museo del Carnevale sono custoditi circa 100 plastici storici dei Carri del Carnevale di Sciacca. L’anticamera è già un tuffo all’interno del colorato mondo della cartapesta e, infatti, sarete circondati dalla ricostruzione di alcuni dei più affascinanti Palazzi storici di Sciacca.

Vi proponiamo qui di seguito l’ordine di sfilata dei carri allegorici del Carnevale di Sciacca nei diversi giorni in cui si svolgerà la manifestazione e l’articolazione del programma delle recite dei copioni per ciascuna associazione culturale.

Categoria A: Associazione “ Archimede” con “Doppio Joker”; Associazione “E ora li femmi tu” con “Volere Volare”; Associazione “La nuova isola” con “Io non ho paura”; Associazione “Saranno famosi” con “Missione Bilbao”; Associazione “Nuove Evoluzioni” con “All’ultimo respiro”.

Categoria B: Comitato “Nuova idea” con “Unni… passi tu nun chisci l’erba”; Associazione “La nuova avventura” con “E ce la scialacquiam”.

ORDINE DI SFILATA

Venerdì, 21 febbraio 2020

  • Ripartiamo da zero, “Peppe Nappa”
  • La nuova isola, con “Io non ho paura”
  • La nuova avventura, con “E ce la scialacquiam” – RECITA
  • Nuove Evoluzioni, con “All’ultimo respiro”
  • Comitato nuova idea, con “Unni… Passi tu nun chisci l’erba” – RECITA
  • Saranno famosi, con “Missione Bilbao”
  • E ora li femmi tu, con “Volere Volare”
  • Archimede, con “Doppio Joker”

Sabato, 22 febbraio 2020

  • Ripartiamo da zero, “Peppe Nappa”
  • Archimede, con “Doppio Joker” – RECITA
  • La nuova isola, con “Io non ho paura” – RECITA
  • Comitato nuova idea, con “Unni… Passi tu nun chisci l’erba”
  • Nuove Evoluzioni, con “All’ultimo respiro” – RECITA
  • Saranno famosi, con “Missione Bilbao”
  • La nuova avventura, con “E ce la scialacquiam”
  • E ora li femmi tu, con “Volere Volare”

Domenica, 23 febbraio 2020

  • Ripartiamo da zero, “Peppe Nappa” – RECITA
  • E ora li femmi tu, con “Volere Volare”
  • Archimede, con “Doppio Joker”
  • La nuova avventura, con “E ce la scialacquiam”
  • La nuova isola, con “Io non ho paura”
  • Nuove Evoluzioni, con “All’ultimo respiro”
  • Comitato nuova idea, con “Unni… Passi tu nun chisci l’erba”
  • Saranno famosi, con “Missione Bilbao”

Lunedì 24 Febbraio

  • Ripartiamo da zero, “Peppe Nappa”
  • Saranno famosi, con “Missione Bilbao” – RECITA
  • E ora li femmi tu, con “Volere Volare” – RECITA
  • Comitato nuova idea, con “Unni… Passi tu nun chisci l’erba”
  • Archimede, con “Doppio Joker”
  • La nuova isola, con “Io non ho paura”
  • La nuova avventura, con “E ce la scialacquiam”
  • Nuove Evoluzioni, con “All’ultimo respiro”

Martedì, 25 febbraio 2020

  • Ripartiamo da zero, “Peppe Nappa”
  • Nuove Evoluzioni, con “All’ultimo respiro”
  • Saranno famosi, con “Missione Bilbao”
  • La nuova avventura, con “E ce la scialacquiam”
  • E ora li femmi tu, con “Volere Volare”
  • Archimede, con “Doppio Joker”
  • Comitato nuova idea, con “Unni… Passi tu nun chisci l’erba”
  • La nuova isola, con “Io non ho paura”

IL PROGRAMMA

Giovedì 20 Febbraio

Alle 17

San Michele in Maschera

Esibizione dei gruppi mascherati dei carri allegorici in concorso nello storico quartiere di San Michele

Alle 19

La Chiazza in Maschera

Esibizione dei gruppi mascherati dei carri allegorici in concorso nella suggestiva cornice della “Chiazza”, Via G. Licata

Alle 21

Spettacolo sul Palco di Piazza Angelo Scandaliato

Presentazione dei gruppi mascherati dei carri allegorici in concorso

Chiusura della manifestazione a mezzanotte

Venerdì 21 Febbraio

Alle 16

Consegna delle chiavi della Città dal Sindaco a Peppe Nappa, il Re del Carnevale di Sciacca

Alle 16,30

Sfilata dei Carri Allegorici

Alle 20

Spettacolo sul Palco di di Piazza Angelo Scandaliato

Esibizione di apertura con Peppe Nappa

Esibizione dei Carri Allegorici in concorso, recite carri di tipo B

Dopo la sfilata tutti i carri di categoria A e B di dirigeranno verso il Viale della Vittoria, dove si posizioneranno per la sfilata del giorno successivo

Chiusura della manifestazione alle ore 1:30

Sabato 22 Febbraio

Alle 16

Sfilata dei Carri Allegorici

Alle 20

Spettacolo sul Palco di di Piazza Angelo Scandaliato

Esibizione di apertura con Peppe Nappa

Esibizione dei Carri Allegorici in concorso, recite carri di tipo A

Alle 21,30

Spettacolo Live: Shade

Esibizione dei Carri Allegorici in concorso, recite carri di tipo A

Dopo la sfilata tutti i carri di categoria A e B di dirigeranno verso il Viale della Vittoria, dove si posizioneranno per la sfilata del giorno successivo

Chiusura della manifestazione alle ore 1:30

Domenica 23 Febbraio

Presentatrice e Testimonial: Sara Croce

Alle 11-13

Carnevale dei Bambini

Spettacolo Sfilata dei Carri Allegorici

I più piccoli potranno divertirsi partecipando all’animazione di artisti di strada e dei più amati personaggi dei cartoons

Alle 11,30

Posizionamento dei Carri Allegorici

I Carri Allegorici stazioneranno lungo Corso Vittorio Emanuele dando vita a uno spettacolo musicale e scenografico

Alle 15

Sfilata dei Carri Allegorici

Alle 18

“Carnival Rewind” sul Palco di di Piazza Angelo Scandaliato

Alle 20

Spettacolo sul Palco di di Piazza Angelo Scandaliato

Esibizione di apertura con Peppe Nappa

Esibizione dei Carri Allegorici in Concorso

Dopo la sfilata, tutti i carri di categoria A e B si dirigeranno verso il Viale della Vittoria per la sfilata del giorno successivo

Chiusura della manifestazione alle ore 1:30

Lunedì 24 Febbraio

Alle 16

Sfilata dei Carri Allegorici

Alle 20

Spettacolo sul Palco di di Piazza Angelo Scandaliato

Esibizione di apertura con Peppe Nappa

Esibizione dei Carri Allegorici in Concorso, recite carri di tipo A

Alle 21,30

Spettacolo Live: Ana Mena

Esibizione dei Carri Allegorici in concorso, recite carri di tipo A

Dopo la sfilata tutti i carri di categoria A e B di dirigeranno verso il Viale della Vittoria, dove si posizioneranno per la sfilata del giorno successivo

Chiusura della manifestazione alle ore 1:30

Martedì 25 Febbraio

Spettacolo sul Palco di di Piazza Angelo Scandaliato

Esibizione di apertura con Peppe Nappa

Esibizione dei Carri Allegorici in concorso, dopo la sfilata tutti i carri di categoria A e B di dirigeranno verso il Viale della Vittoria, dove si posizioneranno per lo smontaggio nelle giornate a seguire

Alle ore 1:30

Riconsegna delle Chiavi della Città al Sindaco di Sciacca

Rogo di Peppe Nappa

Che il Carnevale di Sciacca abbia inizio.

Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Scuola, “prorogare il contratto degli insegnanti precari”

Giovanna D’Agostino è la presidente dell’Associazione “Insieme per il sostegno” di cui fanno parte centinaia di insegnanti precari. In questa intervista si fa portavoce del sentire degli insegnanti precari chiedendo al Governo Conte la proroga del contratto al 31 agosto per tutti i precari della scuola
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona