Il Carnevale di Termini Imerese festeggia i 120 anni | IL PROGRAMMA :ilSicilia.it
Palermo

Dal 15 al 25 febbraio

Il Carnevale di Termini Imerese festeggia i 120 anni | IL PROGRAMMA

17 Febbraio 2020

La bellezza della nostra Sicilia, come spesso ripetiamo, è che dietro ogni evento apparentemente uguale, come il Carnevale, che potrebbe essere definito momento di allegria e sana follia, in cui il Peter Pan o la Trilli che sono in noi emergono, c’è una storia e una tradizione che rende unico ciascuno, per fare solo alcuni nomi, quello di Acireale, di Sciacca, Regalbuto, Montevago e Termini Imerese, che è il protagonista del nostro racconto.

carnevale-termini-ImereseIl Carnevale di Termini Imerese, tra passato e presente
Il Carnevale di Termini Imerese (PA), l’antica Thermae Himerae, così chiamata per l’esistenza di sorgenti di acque calde ancora oggi utilizzate, quest’anno festeggia i 120 anni dal primo ingresso in Città delle Maschere di U Nannu Ca Nanna, avvenuto per la prima volta il 25 febbraio del 1900. Partito il 15 febbraio con l’arrivo in Piazza Duomo dei due simboli a bordo di una vespa, si concluderà il 25 febbraio. Tantissimi turisti hanno assistito alla consegna delle chiavi della Città, da parte della Presidente del Consiglio Comunale, Anna Amoroso, ai due arzilli vecchietti che, con il taglio del nastro, hanno dato  il via al Carnevale Termitano targato 2020. U Nannu Ca Nanna, inoltre, hanno inaugurato la Mostra sul Carnevale allestita nella sede della Pro Loco.

Chi sceglierà Termini Imerese per festeggiare e vivere il periodo più pazzo dell’anno, si ritroverà a guardare con lo stupore e l’incanto dei bambini i Carri allegorici, vere e proprie opere d’arte, frutto della genialità dei “Maestri artigiani della cartapesta”. Questo evento all’insegna della fantasia, che fa dimenticare la realtà di ogni giorno, ha origini ottocentesche che vogliamo raccontarvi. Nasce come manifestazione pubblica ad opera, così è stato tramandato, di un gruppo di napoletani. Nell’inverno del 1848, infatti, dalla vicina Palermo giunsero notizie su una sommossa scoppiata il 12 Gennaio che vedeva protagonista il condottiero termitano Giuseppe La Masa, indicato come il principale artefice della rivolta per la cacciata dei Borbone.

In seguito a queste vicende, un folto gruppo di partenopei, fuggito dal capoluogo siciliano, trovato rifugio a Termini Imerese, proprio in occasione del periodo carnascialesco, grazie alla  proverbiale allegrezza e simpatia, si ambientarono così bene da promuovere una festa pubblica che, seppur improvvisata, vide la partecipazione e il contributo di tantissimi termitani. Si narra che i napoletani, che abitavano nella zona oggi chiamata “Porta Palermo” dove si trova tuttora una piccola via omonima, iniziarono i festeggiamenti con un gruppo di contadini e pescatori del posto. In un documento datato 1876 si segnala la presenza in città di un’associazione, o meglio di una Società del Carnovale, il cui timbro raffigura una maschera dalle fattezze abbastanza simili a quelle del Pulcinella napoletano.

La festa, ogni anno, ha inizio con la tradizionale consegna delle chiavi della città a “U Nannu ca’ Nanna”, come abbiamo già descritto, e con la tradizionale “Sfilata dei carri“, il 23  a Termini Bassa e il 25 a Termini Alta, dove ci sarà il gran finale con la tanto attesa lettura del “Testamento Ru Nannu” da parte del Notaio Menzapinna, ideato dalla fantasia dello studioso Nando Cimino, che altro non è che una sua caricatura in cartapesta. Il nome deriva dal fatto che nel redigere gli atti, per svogliatezza o per errore, spesso lasciava incompiute le parole suscitando l’ilarità dei suoi clienti che, prendendo spunto anche da maldicenze di tutt’altro genere, avevano iniziato a chiamarlo con questo ironico appellativo. Ma andiamo per gradi: cosa rappresentano queste due maschere?

Carnevale Termini Imerese 2019

“U Nannu”
È l’antropomorfizzazione del carnevale stesso, l’erede del re del carnevale pagano, che, tutt’altro che simpatico, mentre lancia ai bambini e alle giovani donne caramelle e confetti, riserva, invece, al resto della popolazione gesti scurrili e scherzi vari mostrando, dall’alto del carro allegorico che lo ospita, enormi finocchi e rape con evidenti intenti offensivi. Di bassa statura, rubicondo, curato nell’aspetto, in giacca damascata, gilet, bavaglino merlettato e pantaloni beige, è fisicamente simile, fateci caso, all’ex Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro. La storia di questi abiti risale al 1975 quando il Cavaliere Ignazio Casamento, allora segretario della Pro Loco, venne incaricato di occuparsi dei costumi di U Nannu, che fece confezionare dalla moglie, Maria Adelfio, e dalla cognata. Nel 1985, il Professore Franco Amodeo, presidente della Pro Loco, lo incaricò di rinnovare i costumi; il Senatore Eduardo Battaglia si offrì di acquistare le stoffe e sempre la signora Adelfio confezionò i nuovi abiti dei Nonni, integrandoli con merletti, bottoni e quant’altro.

Carnevale Termini Imerese 2019

“A Nanna”
Riguardo questa maschera i pareri sono discordanti. Secondo l’antropologo Giuseppe Pitrè, ad esempio, la Nanna è “una creazione di cattivo gusto che in Sicilia non ha nessun fondamento”; differente, invece, è il parere del folklorista Paolo Toschi che, dimostrando la presenza di un personaggio femminile, accanto al carnevale, diffuso su vasta area, conclude che “moglie, antagonista o alter ego femminile del carnevale, la Vecchia ha importanza non meno del carnevale stesso”. Paolo Toschi, inoltre, ne distingue due tipi fondamentali: la Vecchia magra e allampanata che, identificandosi con la Quaresima, rappresenta il carnevale termitano e quella gigantesca, barocca, adorna di frutta e salsicce, che, simbolo di fecondità e abbondanza, si accosta alla figura della Befana. Mentre con la prima, bruciando il fantoccio, si ha l’esorcizzazione del male, con la seconda, e la distribuzione di arance, nocciole, confetti, monete, si propizia grande benessere. La Nanna termitana magra, piuttosto alta, ha un abito in rosa e grigio, un cappello abbellito con fiori, un foulard, mutandoni e reggiseno e, anche il suo costume, come quello di U Nannu, fu realizzato dalle sorelle Adelfio.

Ad impreziosire questa festa, l’interazione con Carnevale al Museo, che ha per palcoscenico il Museo Civico Baldassare Romano di Termini Imerese, “Tempio della cultura” che concilia il sapere e la bellezza, che rappresenta, al divertimento di cui il periodo carnascialesco è simbolo. Viva i Connubi felici.

La manifestazione è gestita dalla Pro Loco e dalla Società del Carnovale con a capo i Presidenti Dario Turturici ed Emanuele Caruana. Adesso, però, penetriamo nel programma di questa 10 giorni.

IL PROGRAMMA

Sabato 15 Febbraio 

Apertura del Carnevale 2020

Alle 17,30

Consegna delle chiavi della Città a “U Nannu ca Nanna” da parte dei rappresentanti del comune di Termini Imerese

Domenica 16 Febbraio

Alle 14,30

Diretta TGS Studio presso la sede della Pro Loco

Dal 17 al 21 febbraio e Lunedì 24

Visita dei Nanna nelle scuole di Termini Imerese e del comprensorio, all’Ospedale S. Cimino, Lega del Filo d’Oro e Istituti sociali

Martedì 18 Febbraio

Alle 11

Installazione Border Color di Tommaso Chiappa all’interno del Museo Civico (Visite fino al 25 febbraio)

Mercoledì 19 Febbraio

Laboratorio didattico “La lavorazione della cartapesta” a cura di Giuseppe Piscitello

Giovedì 20 Febbraio

Alle 12 – 14

Performance “Disegno dal vero” a cura del Liceo artistico G. Ugdulena – Museo Civico

Alle 17,30

Casa del Volontariato, conferenza sul Carnevale AIPD, La Goccia, IPUMM, ADVS, AUSER, Nuova Aurora, Nuova Speranza, La Banca del tempo Himerense – Museo Civico

Venerdì 21 Febbraio

Museo Civico

Presentazione del libro “Archaelogy Uplands on a Mediterranean Island. The Madonie Mountail Tange in Sicily” di Vincenza Forgia

Sabato 22 Febbraio

Alle 8 – 20

Carnevale On Air – radioamatori per il Carnevale 2020

Alle 10,30

Radio Panorama “Nanni Dj” condotto da Nino Re

Alle 17,30

Nannu ca Nanna Village, postazione fissa con animazione in piazza La Masa

Alle 20,30

Chiesa di Sant’Andrea, serata con U Nannu ca Nanna a cura dell’Associazione Nuova Aurora

Domenica 23 Febbraio

Alle 16

Sfilata dei carri allegorici e dei gruppi appiedati, nel circuito di Termini Bassa
Postazione con gazebo per dimostrazioni in largo Mercato Ittico

Martedì 25 Febbraio

Alle 10,30

Passeggiata dei “U Nannu ca Nanna” zona Belvedere/Piazza Duomo

Alle 16

Sfilata dei carri allegorici e dei gruppi appiedati, nel circuito di Termini Alta

Annullo Filatelico Carnevale Termitano 2020

Postazione con gazebo dimostrativi con isola pedonale in Piazza Duomo

Programma a cura della Pro Loco di Termini Imerese.

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona