Il caso del cancello "abusivo", Giusto Catania: "Depositata denuncia per fuga di notizie e diffamazione" | Video :ilSicilia.it
Palermo

oggi la conferenza

Il caso del cancello “abusivo”, Giusto Catania: “Depositata denuncia per fuga di notizie e diffamazione” | Video

30 Novembre 2019

 

Guarda il video in alto

Indetta, questa mattina, una conferenza stampa, dall’assessore comunale Giusto Catania per fare il punto sul caso sollevato qualche settimana fa da Le Iene, riguardante il cancello “abusivo” presente nel cortile degli Schiavi, che chiude uno spazio pubblico nel centro storico di Palermo, e che si trova posizionato nel condominio abitato anche dall’assessore comunale alla mobilità.

È stata depositata una denuncia alla Procura della Repubblica di Palermo affinché sia accertata la violazione di legge in merito alla fuga di notizie e all’esplicita volontà di diffamazione nei confronti di Giusto Catania sulla famigerata “vicenda del cancello”.  È stato reso noto nel corso di una conferenza stampa dall’assessore comunale e dall’avvocato Marco Manno.

Il mio è un atto d’amore nei confronti della città – ha dichiarato Catania – un gesto di rispetto per il lavoro della polizia municipale di Palermo e per gli organi di informazione che operano per accertare i reati e le notizie e non per fare sensazionalismo. Adesso mi sento libero di raccontare la verità dei fatti perché si è chiusa la vicenda amministrativa, che ha sancito irregolarità del cancello; si è chiusa l’indagine penale che è stata archiviata; e ieri ho denunciato alla magistratura abusi e reati“.

Da oggi non parlerò più di questo cancello – ha concluso Catania – attendo di essere convocato da un magistrato“.

Nel corso della conferenza stampa è stato presentato un video, QUI il link.

 

LEGGI ANCHE

Cancello abusivo sotto casa dell’assessore? Le Iene a Palermo “inchiodano” Giusto Catania | VIDEO

“Abusivo” il cancello sotto casa dell’assessore Catania: la rimozione entro 90 giorni

 

Tag:
Cultura
di Renzo Botindari

Musica e Qualità di Vita

Oggi questa città ha più teatri “aperti”, ma nessuno di questi è dotato di una agibilità definitiva per il pubblico spettacolo, nell’attesa di lavori che comportano serie risorse dedicate e destinate alla loro messa in sicurezza. La musica, gli spettacoli meritano e necessitano di spazi propri sia per apprezzarne in pieno la qualità, sia per garantire quella trascurata dalle nostre parti “qualità di vita”, diritto di tutti.