Il caso Saguto a Le Iene: ecco le intercettazioni che imbarazzano il "cerchio magico" dell'Antimafia | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

IL SERVIZIO IN ONDA IERI

Il caso Saguto a Le Iene: ecco le intercettazioni che imbarazzano il “cerchio magico” dell’Antimafia | VIDEO

di
9 Dicembre 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Nuove inedite intercettazioni che riguardano il caso dell’ex giudice Silvana Saguto, radiata definitivamente dalla magistratura, dopo l’inchiesta sullo scandalo dei beni confiscati alla mafia.

A pubblicarle, ancora una volta, Le Iene. Nel 2015 Matteo Viviani indagava insieme a Pino Maniaci (direttore di Telejato che per primo sollevò il problema) sulle consulenze degli amministratori giudiziari. Tra questi, l’avv. Gaetano Cappellano Seminara, amico intimo della Saguto.

SagutoAll’indomani dell’uscita del servizio, la Finanza intercettò telefonate dell’ex Presidente della sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo. In esse, duri attacchi a Le Iene e tentativi da parte dei membri del cosiddetto “cerchio magico” della Saguto (tra cui l’ex prefetto di Palermo Francesca Cannizzo) di fare quadrato attorno al giudice.

Ma anche giornalisti che pubblicano articoli per risollevare l’immagine della Saguto. In questo quadro, anche intercettazioni della Saguto contro Pino Maniaci.

Le Iene sollevano il dubbio che l’inchiesta che ha coinvolto Pino Maniaci sia stata architettata per screditare l’immagine del cronista.

In attesa di arrivare a sentenza, Maniaci – che è difeso dall’avv. Antonio Ingroia – dice sereno: “Voglio essere condannato o assolto, me la voglio vedere tutta. Telejato non si ferma”.

L’ex prefetto Cannizzo sembra proporre alla Saguto una “rete di protezione”, in cui sembrerebbe coinvolto anche il tenente colonnello della Guardia di finanza Rosolino Nasca, che in quegli anni lavora alla DIA di Palermo e che oggi è indagato a Caltanissetta per corruzione e atti d’ufficio.

E Le Iene attaccano: “Al di là delle sentenze, che prima o poi arriveranno, questa storia sembra però poter mettere in dubbio la credibilità di alcune attività di una istituzione importante nella lotta alla mafia. In questo servizio iniziamo a ripercorre la strada che ha portato alla sbarra l’antimafia di Palermo”.

 

Il "cerchio magico" del caso Saguto [La Repubblica, 27.10.2015]
Il “cerchio magico” del caso Saguto [La Repubblica, 27.10.2015]

LEGGI ANCHE:

“I fallimenti dell’antimafia”: a Le Iene i casi Cavallotti e Niceta | VIDEO

Saguto: “Io vittima di un errore giudiziario. Sul mio conto ho 18 euro”

“Ora parlo io”, la Saguto rompe il silenzio: “Non ci sto a pagare per tutti”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin