Il caso Saguto a Le Iene: ecco le intercettazioni che imbarazzano il "cerchio magico" dell'Antimafia | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

IL SERVIZIO IN ONDA IERI

Il caso Saguto a Le Iene: ecco le intercettazioni che imbarazzano il “cerchio magico” dell’Antimafia | VIDEO

di
9 Dicembre 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Nuove inedite intercettazioni che riguardano il caso dell’ex giudice Silvana Saguto, radiata definitivamente dalla magistratura, dopo l’inchiesta sullo scandalo dei beni confiscati alla mafia.

A pubblicarle, ancora una volta, Le Iene. Nel 2015 Matteo Viviani indagava insieme a Pino Maniaci (direttore di Telejato che per primo sollevò il problema) sulle consulenze degli amministratori giudiziari. Tra questi, l’avv. Gaetano Cappellano Seminara, amico intimo della Saguto.

SagutoAll’indomani dell’uscita del servizio, la Finanza intercettò telefonate dell’ex Presidente della sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo. In esse, duri attacchi a Le Iene e tentativi da parte dei membri del cosiddetto “cerchio magico” della Saguto (tra cui l’ex prefetto di Palermo Francesca Cannizzo) di fare quadrato attorno al giudice.

Ma anche giornalisti che pubblicano articoli per risollevare l’immagine della Saguto. In questo quadro, anche intercettazioni della Saguto contro Pino Maniaci.

Le Iene sollevano il dubbio che l’inchiesta che ha coinvolto Pino Maniaci sia stata architettata per screditare l’immagine del cronista.

In attesa di arrivare a sentenza, Maniaci – che è difeso dall’avv. Antonio Ingroia – dice sereno: “Voglio essere condannato o assolto, me la voglio vedere tutta. Telejato non si ferma”.

L’ex prefetto Cannizzo sembra proporre alla Saguto una “rete di protezione”, in cui sembrerebbe coinvolto anche il tenente colonnello della Guardia di finanza Rosolino Nasca, che in quegli anni lavora alla DIA di Palermo e che oggi è indagato a Caltanissetta per corruzione e atti d’ufficio.

E Le Iene attaccano: “Al di là delle sentenze, che prima o poi arriveranno, questa storia sembra però poter mettere in dubbio la credibilità di alcune attività di una istituzione importante nella lotta alla mafia. In questo servizio iniziamo a ripercorre la strada che ha portato alla sbarra l’antimafia di Palermo”.

 

Il "cerchio magico" del caso Saguto [La Repubblica, 27.10.2015]
Il “cerchio magico” del caso Saguto [La Repubblica, 27.10.2015]

LEGGI ANCHE:

“I fallimenti dell’antimafia”: a Le Iene i casi Cavallotti e Niceta | VIDEO

Saguto: “Io vittima di un errore giudiziario. Sul mio conto ho 18 euro”

“Ora parlo io”, la Saguto rompe il silenzio: “Non ci sto a pagare per tutti”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.