Il censimento dei rom, Giammanco: "Sì all'integrazione, no ai campi nomadi" :ilSicilia.it
Palermo

l'esponente azzurro critico con Orlando

Il censimento dei rom, Giammanco: “Sì all’integrazione, no ai campi nomadi”

di
19 Giugno 2018

Siamo contro schedature etniche fuori dal tempo e contro ogni forma di discriminazione ma è evidente che dobbiamo lavorare per integrare i rom nella nostra società superando la logica aberrante dei campi nomadi”. A sostenerlo è Gabriella Giammanco, senatore di Forza Italia,  intervenendo a Coffee Break  su La7.

Poi aggiunge: “Vorrei capire, in primis, dove vanno a finire i fondi europei destinati all’inclusione sociale dei rom. Basta fare un giro nei loro campi, anche in quelli autorizzati, per accorgersi che vi prolifera il degrado totale e che queste realtà alimentano l’isolamento dei rom, che vivono al di fuori di ogni legge, ignorando le nostre regole e i doveri che ogni cittadino, in quanto tale, è tenuto a osservare”.

“Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando – continua –  ha spalancato le porte della città a rom e africani, scambiando per integrazione l’accoglienza più indiscriminata e controproducente. Ma in una regione, come la Sicilia – conclude Giammanco -dove la disoccupazione giovanile supera il 50%, è impensabile riuscire a integrare nella società, in particolare nel mercato del lavoro, numeri elevati in termini di presenze straniere senza provocare inevitabili tensioni sociali”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.