Il centrodestra a Siracusa, Messina e Partinico prova a esorcizzare la maledizione dei ballottaggi :ilSicilia.it

Le sfide in alcuni centri importanti

Il centrodestra a Siracusa, Messina e Partinico prova a esorcizzare la maledizione dei ballottaggi

di
18 Giugno 2018

C’è stato un tempo nell’Italia e nella Sicilia del bipolarismo imperfetto, in cui il centrodestra, alle Amministrative, o vinceva a primo turno, o perdeva, quasi sistematicamente, tutti i ballottaggi. Uno dei casi che fecero scuola, rimanendo tra i precedenti storici, fu il secondo atto per l’elezione del presidente della Provincia nel 1996, quando, a distanza di due settimane dalla vittoria nettissima del centrodestra alle Regionali, fu l’ultima volta prima dell’elezione diretta del presidente della Regione del 2001, Mario Ferrara (FI) fu sconfitto da Pietro Puccio (recentemente tornato sindaco di Capaci) che divenne presidente della Provincia per il centrosinistra.

Oggi, a distanza di oltre vent’anni, il centrodestra siciliano, pur avendo riconquistato la postazione essenziale di Palazzo d’Orleans, è una coalizione da ricostruire che contende ai 5stelle il controllo sui territori. Ecco perché Messina, Siracusa, ma anche Partinico, il centro più grosso nel Palermitano, diventano strategici e baricentrici da portare a casa.

Se Cateno De Luca è ancora un incubo da esorcizzare nonostante l’ipotesi di accordo tra Navarra (Pd) e Forza Italia, via Genovese, a beneficio di Dino Bramanti, a Siracusa dovrà cominciare tutto da capo Paolo Reale arrivato a un’incollatura dal traguardo al primo turno. Il candidato del centrodestra paga un forte voto disgiunto, quasi l’80% dei voti, all’interno di una delle liste che lo sosteneva e adesso teme la rimonta del suo competitor Francesco Italia ex vicesindaco dell’uscente Garozzo su cui anche Fabio Granata ha dichiarato di volere convergere suscitando i malumori espliciti del presidente della Regione Nello Musumeci che si trova al momento al centro  di unadelicata fase in cui convergenze e ipotesi di collaborazione (persino con i 5stelle sui rifiuti) rischiano di innescare reazioni a catena tutte da verificare.

Ma anche nei cespugli del centrodestra non mancano i problemi. A Partinico, dove ci sarà un ballottaggio trai due candidati più votati al primo turno a sancire il risultato tra 15 giorni. Si tratta di Maurizio De Luca (24,29%) e Pietro Rao (20,15%). Sul territorio è battaglia co FdI che chiede spazio e soprattutto che vengano rispettati gli accordi sanciti prima del voto.

A Ragusa, a guida pentastellata negli ultimi cinque anni, Antonio Tringali (22,67%) è costretto al ballottaggio con Giuseppe Cassì (20,83%) vicino a Fratelli d’Utalia. Un’altra sfida dai risvolti politici che non si limiteranno solo al capoluogo ibleo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.