Il ciclismo viene paralizzato dal coronavirus, rinviato il Giro di Sicilia :ilSicilia.it

SI VALUTANO POSSIBILI DATE DI RECUPERO

Il ciclismo viene paralizzato dal coronavirus, rinviato il Giro di Sicilia

6 Marzo 2020

Lo sport siciliano continua ad essere falcidiato dall’emergenza coronavirus.

La nuova vittima di queste ore è il Giro di Sicilia, manifestazione ciclistica che doveva svolgersi dal 1 al 4 aprile. La notizia era nell’aria già da qualche giorno, ma si attendeva l’ufficialità da parte del direttivo.

LA DECISIONE DI RCS SPORT

A comunicarlo sono gli organizzatori di Rcs Sport, i quali stanno già valutando, di comune accordo con la Federciclismo e l’UCI, le possibili date di recupero della manifestazione.

Nessuna dichiarazione ufficiale, almeno per il momento, ne dai vertici della Regione Siciliana ne dall’assessore allo Sport Manlio Messina, che aveva presentato l’evento qualche settimana fa.

Un duro colpo per il calendario ciclistico italiano, che dovrà fare a meno anche di due grandi classiche del panorama internazionale. Sono infatti saltate sia la Milano-Sanremo che la Tirreno Adriatica. Al contempo, è stata posticipata, a data da destinarsi, la settimana Coppi e Bartali, prevista da calendario dal 25 al 29 marzo.

Un momento difficile per i team professional e non, costretti a modificare i propri piani di allenamento a seguito dell’emergenza. Il Giro d’Italia si avvicina e la paura di non arrivare pronti potrebbe iniziare a serpeggiare anche nelle gambe di qualche nome importante.

Il Giro di Sicilia è infatti l’ultima vittima di una lunga serie di rinvii. La speranza, intanto, è che la “Corsa Rosa” non venga toccata dall’epidemia, la quale sta letteralmente falcidiando lo sport italiano e, di conseguenza, quello siciliano.

© Riproduzione Riservata
Tag:
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.