20 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.08
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11

Appuntamento venerdì 18 maggio

Il comitato “Esistono i diritti” organizza un incontro sull’uso della Cannabis terapeutica in Sicilia

17 maggio 2018

PALERMO – Il comitato Esistono i diritti sta portando avanti la sua battaglia sul tema della Cannabis per uso terapeutico in Sicilia, a tale proposito si terrà un incontro, venerdì 18 maggio, alle 16 allo Spazio Franco, all’interno dei Cantieri Culturali della Zisa, a Palermo, dove interverranno, tra gli altri, Rossana Tessitore, Gaetano D’Amico, Fabrizio Ferrandelli, Giuseppe Brancatelli, Zelda Raciti, Pino Apprendi, Valeria Ajovalasit, Toti Camiolo e Carlo Privitera. I lavori si concluderanno con l’intervento di Silvja Manzi, tesoriera nazionale di Radicali Italiani.

palermoIl comitato qualche settimana fa hanno mandato una lettera al presidente della Regione Nello Musumeci e al presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè, per  “assicurare l’omogeneità di erogazione dei suddetti preparati; assicurare il monitoraggio del loro consumo; favorire la diffusione delle evidenze scientifiche, attraverso i Medici ed i Farmacisti; valutare la possibilità di convenzioni con Centri di ricerca autorizzati, anche per la produzione di detti farmaci, nell’ottica di un notevole risparmio per le casse della Regione“.

Nella stessa lettera chiesero al presidente della Regione “un incontro, per fare il punto della situazione consapevoli, come siamo, che i diritti dei malati e la loro qualità di cura, debbano essere una priorità non più rinviabile”.

I firmatari nonostante appartengano a storie e culture diverse si ritrovano uniti all’appello lanciato per far in modo che la Regione Siciliana divenga promotrice di coltivazione di marijuana terapeutica “Tanti ammalati attendono che il loro Diritto di Cura, attraverso la Cannabis ed i cannabinoidi, venga riconosciuto“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Figlio inferiore e padre superiore

Le paturnie e i pensieri ossessivi sono alimentati dagli oggetti interiorizzati, dalla rappresentazione interna dei genitori, in questo caso, specialmente, del padre, idealizzato come uomo superiore, contro lui che è, invece, l’uomo inferiore.