Il convegno della Lega sul futuro della Sicilia. Toni Iwobi: "Senza identità un territorio muore" | Video interviste | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

L'incontro a Palazzo delle Aquile

Il convegno della Lega sul futuro della Sicilia. Toni Iwobi: “Senza identità un territorio muore” | Video interviste

di
23 Marzo 2019

Guarda le video interviste in alto 

Palazzo delle Aquile ha ospitato il convegno “Il futuro della Sicilia si chiama identità”, fortemente voluto dal Dipartimento Cultura della Lega Salvini Premier di Palermo e organizzato con il Gruppo Consiliare della Lega al Comune, che ha ospitato tra i relatori anche il senatore Toni Iwobi, vicepresidente Commissione permanente Affari Esteri e Immigrazione.

Il convegno, introdotto dal giornalista Alberto Samonà, ha segnato un primo momento di dibattito sul tema dell’identità come occasione di crescita comune dell’intera Isola, non solo del capoluogo, che nella sua essenza rappresenta un brand di indiscutibile valore culturale e storico, dove il termine identità sintetizza, o dovrebbe farlo, il sincretismo fra culture diverse, nel nome di una vera integrazione libera da slogan e demagogia, fondata sul rispetto reciproco e

senatore Toni Iwobi
senatore Toni Iwobi

Senza l’identità un territorio, una nazione muore – dichiara il senatore Iwobise vogliamo uccidere una nazione il metodo veloce è togliere identità e cultura, dobbiamo ripristinate la volontà di conservare la nostra cultura per le future generazioni“.

La parola chiave resta sempre confronto:”Mai negare il confronto – continua Iwobi nella video intervista – attraverso il dialogo si trovano soluzioni uniche ai problemi che incombono. La Lega è sempre aperta al confronto ed è al servizio del popolo“.

Al convegno erano presenti, oltre a Igor Gelarda, capogruppo della Lega in Consiglio Comunale e responsabile enti locali Sicilia, e Elio Ficarra, responsabile enti locali Palermo e Provincia della Lega, anche alcuni rappresentanti, tra imprenditori e operatori di specifici settori, che da tempo sono impegnati nella promozione, a vario titolo, della Sicilia.

Lilla de Oliveria Pecorella
Lilla de Oliveria Pecorella

L’imprenditore ed esperto di comunicazione Giovanni Callea, l’imprenditrice turistica Tamako Sakiko Chemi, Lilla Oliveira Pecorella, dell’Ufficio di presidenza della Consulta delle Culture, Filippo Occhipinti, coordinatore cittadino dei Verdi, e Osas Egbon, presidente dell’associazione “Donne di Benin City”, l’unica in Italia a essere stata fondata da nigeriane ex vittime della tratta, impegnate sul territorio nella lotta contro la prostituzione.

Ognuno ha dato il proprio contributo, dunque, in tema di identità quale possibilità di mettere insieme tradizioni, beni culturali e archeologici, turismo, agricoltura, enogastronomia, arti, mare, commercio, artigianato, sotto un unico comune denominatore: la Sicilia, appunto.

Igor Gelarda
Igor Gelarda

Ha fatto discutere, invece, l’assenza, al tavolo dei lavori, sia del neo assessore alle Culture del Comune di Palermo Adam Darawsha, sia del presidente della Consulta delle Culture, Ouattara Ibrahima Kobena.

Avevamo invitato anche il neo assessore – ha detto Igor Gelarda – che invece si è sottratto. Chi non si vuole confrontare, secondo me ha sempre torto“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.