Il covid ci costringe a pensare a un futuro sostenibile. Una sfida per l'uomo :ilSicilia.it

Il covid ci costringe a pensare a un futuro sostenibile. Una sfida per l’uomo

di
4 Maggio 2020

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa riflessione dell’avvocato Salvino Pantuso, già parlamentare regionale ed ex sindaco di Monreale.

*****

Se c’è un dato che sta emergendo con maggiore evidenza da questa esperienza a cui ci ha costretti covid è la presa d’atto che il nostro futuro non potrà che essere sostenibile con la natura.

L’avvocato Salvino Pantuso

Cosa intendo: tutti noi siamo consapevoli del fatto che questo scorcio di secolo, quello più recente in particolare, ha perso il senso del rapporto tra economia ed ambiente, con i risultati che abbiamo sotto gli occhi. L’avevamo colto, però aveva assunto i connotati della ineluttabilità senza ritorno, o quasi. Il “tutto fermo” e la reazione della natura che rapidamente ha manifestato la sua vitalità, insperata, ci ridà speranza. Ed anche la opportunità di fare ciò che in piena corsa ci appariva complicato. Adesso si tratta di riconvertire la dinamica economica, allinearla e combinarla con l’assetto complessivo naturale. Non si tratta quindi di rinunciare al progresso economico, con i benefici che porta in termini di benessere individuale e sociale.

L’uomo, la politica dovrà orientare le conquiste che sono state raggiunte in questo secolo, in primis le tecnologiche e globaliste con una nuova filosofia: quella del benessere dell’uomo in armonia con la natura. In definitiva, un benessere come si è sempre detto, agendo nel senso contrario, a misura d’uomo. E’ evidente che l’atto prioritario sia la cessazione dei conflitti armati in corso e l’avvio di una trattativa mondiale finalizzata a creare un equilibrio di pace. Impossibile? Assolutamente no!

Semmai ci vorrà uno sforzo diplomatico di enorme portata, adeguato al momento ed alla ambizione di rimettere in carreggiata il mondo. Inaugurare questa nuova frontiera costituirà la più grande delle iniziative geopolitiche della storia. Non solo: è l’occasione (ultima?) per farlo. Ne trarremmo tutti vantaggio. L’uomo, (l’abbiamo detto) gli stati leaders, le popolazioni in conflitto, ridotte allo stremo delle forze ed in totale crisi esistenziale, avendo perso il senso delle loro vite, la politica che inaugurerebbe un indirizzo compatibile con la realtà attuale ed una visione del futuro dell’umanità. Significherebbe, finalmente, superare i residui mentali ed ideologici ottocenteschi e post bellici mondiali ancora presenti nella storia odierna.

Il dialogo serrato ma costruttivo formerà una nuova classe politica per il futuro, con nuove idee sul tipo di economia e di sviluppo sociale. Un sistema con un obiettivo prioritario: liberare l’uomo dal bisogno e dalla precarietà. Libero dall’angustia del pane quotidiano, vissuto come ingiustizia sociale. Le condizioni ci sono se si considera che il dato oggi più eclatante ed inaccettabile è costituito dallo spreco e l’eccesso al quale si contrappone la miseria sino alla inedia ed alla fame esistente non soltanto in fasce di popolazioni ma  nella famiglia della porta accanto. L’altra grande frontiera è l’affermazione e la crescita dei diritti civili, vera conquista superiore ad ogni altra della storia umana.

Non mi sfuggono le difficoltà e la matrice utopica che permea questa impresa, ma , ragionevolmente, si pone la domanda: se non adesso, quando provarci? Una impresa visionaria compatibile e misurata per i tempi che viviamo. Da realizzare con metodo, volontà ed entusiasmo. Ne val la pena farlo!

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin