Il Csm rimuove Silvana Saguto dalla magistratura :ilSicilia.it

Il provvedimento è impugnabile in Cassazione

Il Csm rimuove Silvana Saguto dalla magistratura

di
29 Marzo 2018

Rimozione dai ranghi della magistratura.  Questa la sanzione decisa dal Csm per Silvana Saguto, ex presidente della sezione Misure di prevenzione del tribunale di Palermo. Sotto processo a Caltanissetta per una gestione “personale” dei beni confiscati alla mafia e le nomine di amministratore giudiziario che, secondo l’accusa, avrebbero favorito anche familiari e amici, aveva chiesto un rinvio dell’udienza che le è stato negato. Il provvedimento del Csm è impugnabile di fronte alle sezioni unite civili della Cassazione.

Nel procedimento a suo carico che è iniziato a gennaio sotto la direzione della procura nissena, è accusata di essere a capo di una sorta di “organizzazione” di cui avrebbe approfittato grazie alla sua posizione di predominanza, per ottenere vantaggi personali.

L’ex presidente delle Misure di Prevenzione del tribunale di palermo ha sempre declinato ogni responsabilità. Oggi il pronunciamento del massimo organo di giustizia della magistratura.

Proprio oggi pomeriggio, la sezione disciplinare, del Csm ha rigettato la richiesta di rinviare l’udienza per legittimo impedimento inoltrata dalla Saguto. Quest’ultima aveva già presentato diversi certificati medici  in concomitanza con le udienze e non ha aderito alla possibilità di utilizzare una videoconferenza per rendere spontanea testimonianza.

Il sostituto procuratore generale della Suprema Corte, Mario Fresa, ha dichiarato che l’imputata stava tentando di sottrarsi al giudizio. Poi ne ha chiesto la sanzione massima: la rimozione.

L’ex magistrato non è stata l’unica ad essere sottopposta al giudizio dell’organo di autogoverno dei giudici. Sono comparsi anche gli altri magistrati coinvolti, a vario titolo, nella vicenda che ha toccato Silvana Saguto: Guglielmo Muntoni, presidente della sezione misure di prevenzione del Tribunale di Roma, Fabio Licata, prima a Palermo e oggi al tribunale di Patti, Lorenzo Chiaramonte, che è stato trasferito a Marsala, e il giudice Tommaso Virga.

Per Muntoni e Licata sono state chieste censura e sospensione (per 6 mesi) mentre per Chiaramonte e Virga, rispettivamente,   sei mesi e un anno e mezzo di perdita dell’anzianità.

Il verdetto è stato poi favorevole per Muntoni e Virga che sono stati assolti: la sezione disciplinare del Csm ha ritenuto gli addebiti nei loro confronti di scarsa rilevanza.

Fabio Licata e Lorenzo Chiaramonte, invece, sono stati ritenuti colpevoli, il primo ha ricevuto la sanzione della perdita di due mesi di anzianità e il secondo quella della censura.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin