Il depuratore di Carini, Monteleone: "No alla confluenza dei collettori di Cinisi e Terrasini" :ilSicilia.it
Palermo

il sindaco contrario all'opera

Il depuratore di Carini, Monteleone: “No alla confluenza dei collettori di Cinisi e Terrasini”

2 Novembre 2018

“Sulla questione della confluenza dei collettori fognari di Cinisi e Terrasini al depuratore di Contrada Ciachea ribadiamo ancora una volta la nostra contrarietà sulla fattibilità dell’opera già espressi e verbalizzate nelle sedi opportune e a mezzo stampa fin dal giugno scorso”. A dirlo è il sindaco di Carini, Giovì Monteleone.

Non vorremmo che tra i due litiganti (Cinisi e Terrasini) il terzo (Carini) soffrisse”, aggiunge. “Riteniamo non accettabile la conclusione dell’ufficio del Commissario straordinario Unico secondo cui ‘l’intervento consente di evitare lo scarico dei reflui dei comuni di Cinisi e Terrasini nella area sensibile Golfo di Castellamare in un’area marina assai pregiata e delicata in cui è presente anche la Riserva dello Zingaro’ come se il Golfo di Carini, su cui si affacciano i territori dei comuni di Carini, Capaci, Torretta e Isola delle Femmine, fosse vocato a diventare la cloaca delle acque reflue dei Comuni prospicienti ben due golfi.

“Per questi motivi – conclude Monteleone – l’Amministrazione Comunale di Carini è contraria a questa ipotesi di confluenza dei collettori di Cinisi e Terrasini al depuratore consortile di Carini“.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.