Il dipinto del Reich, l’opera di Raffaello trafugata dai nazisti diventa un libro :ilSicilia.it
Banner Bibo

Il dipinto del Reich, l’opera di Raffaello trafugata dai nazisti diventa un libro

di
4 Marzo 2021

L’Olocausto e i furti di opere d’arte da parte dei nazisti: un legame sottile e spietato emerge oggi da una nuova e sconvolgente inchiesta pubblicata dalla giornalista cesenate Caterina Boschetti, in occasione della Giornata della Memoria. Un romanzo-inchiesta, con interviste e documenti inediti sulla Shoah, sul più clamoroso furto d’arte della Seconda Guerra Mondiale.

Il dipinto del Reich (edito da SEA Agenzia Letteraria e Casa Editrice) narra la vicenda del Ritratto di Giovane Uomo, opera di Raffaello (a 500 anni dalla morte) rubata nella Cracovia del 1945 dal gerarca nazista Hans Frank e mai più ritrovata. Il quadro, oggi ritenuto il più prezioso oggetto saccheggiato durante la Guerra, è il simbolo della strategia nazista: privare milioni di uomini e donne della cultura, chiudendo scuole, università, teatri, e depredando musei, chiese e collezioni private.

Avvalendosi di interviste a studiosi, docenti universitari e direttori museali, Caterina Boschetti, già autrice delle inchieste Il Libro nero delle Sette in Italia e Il libro nero dei bambini scomparsi (entrambi Newton Compton), ha ripercorso la vicenda del Raffaello, che fu trafugato insieme alla Dama con l’Ermellino di Leonardo da Vinci e a Paesaggio con buon Samaritano di Rembrandt.

Ma se gli Alleati ritrovarono i due, del Raffaello si sono perse le tracce.

L’inchiesta che si snoda tra Polonia, Milano, Bergamo e Firenze, ripercorre con documenti inediti anche le sorti di altre opere d’arte rubate e racconta la Seconda Guerra Mondiale, analizzando le tappe di quella che fu la Soluzione Finale, dando voce a vittime e carnefici. Il volume si avvale inoltre di interviste esclusive a chi salvò gli ebrei, nascondendoli e proteggendoli, ottenendo da Israele l’onorificenza di Giusto tra le Nazioni.

Una pubblicazione interessante con un cammeo, l’intervista inedita a Giorgio Galli, docente all’università di Milano, storico e massimo esperto di nazismo esoterico, scomparso lo scorso dicembre.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin