Il fenomeno delle "spose bambine" a Palermo: la vergogna di cui nessuno parla | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

Opinione pubblica distratta?

Il fenomeno delle “spose bambine” a Palermo: la vergogna di cui nessuno parla

di
12 Settembre 2017

* Un triste fenomeno sta scuotendo in queste ore il capoluogo siciliano. Sarebbero decine le bambine nate e cresciute a Palermo, originarie di varie zone dell’Asia, che ad un tratto scompaiono nel nulla. Sparizioni in piena regola, ma di cui però sarebbero bene informati i familiari.

In pratica di loro non si sa più niente, ma in realtà vengono rispedite nei Paesi da cui provengono le famiglie, perché date in sposa dai genitori a lontani parenti. Una pratica che tarda a morire anche nel nostro Paese, dove casi analoghi accadrebbero in diverse città italiane e che avrebbero quali protagoniste bambine e adolescenti originarie soprattutto del Bangladesh, dell’India, dello Sri Lanka e del Pakistan.  Una vergogna in piena regola, ma che pare scorra come l’olio sopra l’indifferenza di tutti, senza che nessuno faccia niente.

Per l’Unicef, il fenomeno delle cosiddette “spose bambine”, oltre che in Asia avverrebbe anche in diversi Paesi africani, fra cui il Niger, il Chad e la Repubblica Centroafricana. L’età media di queste piccole vittime varierebbe dagli undici ai sedici, diciassette anni al massimo, mentre i mariti sarebbero molto più grandi. Il fenomeno è attestato dal fatto che diverse fra queste spariscono improvvisamente da scuola, ma nella maggior parte dei casi i genitori non informerebbero nemmeno le direzioni didattiche.

Questa pratica avverrebbe da tempo, ma a Palermo se ne parla con insistenza solo da qualche giorno a causa del caso che ha visto protagonista una bambina dodicenne di etnia rom. La piccola sarebbe stata promessa in sposa a un parente che vive in Francia, ma si sarebbe ribellata alla decisione presa dai familiari, facendo perdere le proprie tracce. La sua storia è venuta alla luce perché i genitori hanno denunciato la scomparsa alla Polizia, ma dopo una breve attività d’indagine, gli agenti hanno scoperto che, con l’aiuto di un coetaneo, la giovane rom si era nascosta per non venire rintracciata dai genitori e non essere così costretta a partire per la Francia.

Se la vicenda della dodicenne forse non si concluderà con il matrimonio è solo perché l’episodio è stato denunciato alla procura dei minori, ma per un caso che potrebbe essere in via di risoluzione, a Palermo ve ne sarebbero molti altri, in una sorta di sottobosco che mette insieme pratiche religiose, consuetudini e usanze di Paesi lontani in un mix che porta, appunto, a matrimoni combinati di bambine o adolescenti con parenti, visti a volte soltanto in fotografia.

L’edizione palermitana di Repubblica, a questo proposito, racconta di diversi episodi avvenuti in varie scuole del centro storico di Palermo. Alcune ragazzine trovano la forza di raccontare il loro dramma, altre tacciono. Il quotidiano riporta, fra gli altri, il caso di una sedicenne del Bangladesh, destinata fin dalla nascita ad uno zio di trent’anni più vecchio. L’adolescente avrebbe avuto il coraggio di confidarsi con gli insegnanti, ma di lì a poco è sparita nel nulla. Un altro caso è quello di una quattordicenne, che ha lasciato l’ultimo anno della scuola media che frequentava, per essere letteralmente spedita (è il caso di dirlo) in Pachistan. O ancora, una ragazzina dello Sri Lanka, predestinata anche stavolta a un parente residente nel Paese d’origine e rinchiusa in casa per tre settimane, perché la giovane aveva nel frattempo mostrato interesse per un coetaneo palermitano.

«Purtroppo il fenomeno è ancora più esteso», sottolinea Souad Sbai, giornalista di origine marocchina e deputata di Lega-Noi con Salvini: «il 60 per cento delle bambine maghrebine che vivono in Italia non frequenta la scuola dell’obbligo. Che fine hanno fatto? Sono diventate spose bambine? Sono segregate in casa? Sono prossime jiahdiste? Ho presentato su questo una denuncia alla procura di Roma e avvisato la ministra dell’istruzione. Queste bambine vanno salvaguardate e non è certo con lo ius soli che potranno essere aiutate: anzi, se dovesse passare la legge, diventeranno merce di scambio».

Dove sono i fautori del pensiero buonista e dei teorici dello “ius soli” a tutti i costi? Silenziosi… Non a caso. 

 

* Articolo tratto dal quotidiano Libero

Stupri in Italia, i dati Istat rivelano il forte numero di stranieri violentatori

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco