Il Festival del Costume Popolare Rumeno a Palermo | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

3^ edizione

Il Festival del Costume Popolare Rumeno a Palermo | FOTO

15 Ottobre 2019

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Quest’anno l’Arcivescovado della Sicilia ha organizzato il Festival del Costume Popolare Rumeno a Palermo, domenica scorsa, 13 ottobre, con la benedizione di S.E. Siluan.

Dopo aver celebrato la Santa e Divina Liturgia, i membri di ogni parrocchia in Sicilia, dai più piccoli ai più grandi, hanno preso la strada per Palermo, incontrandosi di fronte alla Chiesa Santo Ieromartire Caralambo, da dove alle 16 sono usciti in formazione, facendo una sfilata di costumi popolari, nel cuore della capitale siciliana, percorrendo Via Maqueda, i Quattro Canti e Corso Vittorio Emanuele, per 30 minuti attraversando il centro di Palermo.

I cristiani rumeni, provenienti da tutti gli angoli della Sicilia, vestiti con abiti di festa, dopo aver intonato l’Inno nazionale, hanno arricchito la sfilata con le loro voci calde intonando alcune canzoni popolari. La sfilata si è conclusa nel cortile della Cattedrale di Palermo, dove sono stati attesi e ospitati da Mons. Corrado Lorefice, Arcivescovo di Palermo e Don Filippo, il Parroco della Cattedrale.

La seconda parte del programma si è svolta nel cortile della Cattedrale, iniziando con la presentazione del costume popolare rumeno come “incanto, teologia e vita”, del sacerdote Nicolae Chilcos, Arcivescovo di Sicilia, e poi ogni parrocchia dell’arcivescovado ha presentato un programma artistico, canzoni e poesie, che ha suscitato emozioni speciali nei cuori dei partecipanti, i quali hanno superato le 700 presenze.

Alla fine, la parrocchia ospitante ha ringraziato tutti i partecipanti all’evento, offrendo dei piatti tradizionali rumeni.

“Ringraziamo il Vescovo cattolico romano e l’Arcivescovo di Palermo, mons. Corrado Lorefice, il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il Vice Sindaco Fabio Giambrone, la consigliera Maria Pitarresi, il fotografo Claudio Pezzillo e in particolare tutti i partecipanti: la parrocchia di Alcamo – San I. Leon di Catania, Parrocchia di Sciacca – Santo Devoto Teodor studitul, Parrocchia di Ragusa – Santa Devota Melania Romana, Parrocchia di Messina – Parrocchia San Mucenico Pangratie, Parrocchia di Siracusa – San Pietro e Paolo e Santa Lucia, Parrocchia di Enna – San Giovanni Battista, Parrocchia di Canicatti – San Mucenica Filoteia, parrocchia di Catania – Santa Mucenica Agata e la parrocchia organizzatrice Palermo – San Sf. Mc. Haralambie. Grazie a Dio per tutto!”, conclude il Parroco Martinian Constantin Epure.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.