Il Festival del Costume Popolare Rumeno a Palermo | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

3^ edizione

Il Festival del Costume Popolare Rumeno a Palermo | FOTO

di
15 Ottobre 2019

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Quest’anno l’Arcivescovado della Sicilia ha organizzato il Festival del Costume Popolare Rumeno a Palermo, domenica scorsa, 13 ottobre, con la benedizione di S.E. Siluan.

Dopo aver celebrato la Santa e Divina Liturgia, i membri di ogni parrocchia in Sicilia, dai più piccoli ai più grandi, hanno preso la strada per Palermo, incontrandosi di fronte alla Chiesa Santo Ieromartire Caralambo, da dove alle 16 sono usciti in formazione, facendo una sfilata di costumi popolari, nel cuore della capitale siciliana, percorrendo Via Maqueda, i Quattro Canti e Corso Vittorio Emanuele, per 30 minuti attraversando il centro di Palermo.

I cristiani rumeni, provenienti da tutti gli angoli della Sicilia, vestiti con abiti di festa, dopo aver intonato l’Inno nazionale, hanno arricchito la sfilata con le loro voci calde intonando alcune canzoni popolari. La sfilata si è conclusa nel cortile della Cattedrale di Palermo, dove sono stati attesi e ospitati da Mons. Corrado Lorefice, Arcivescovo di Palermo e Don Filippo, il Parroco della Cattedrale.

La seconda parte del programma si è svolta nel cortile della Cattedrale, iniziando con la presentazione del costume popolare rumeno come “incanto, teologia e vita”, del sacerdote Nicolae Chilcos, Arcivescovo di Sicilia, e poi ogni parrocchia dell’arcivescovado ha presentato un programma artistico, canzoni e poesie, che ha suscitato emozioni speciali nei cuori dei partecipanti, i quali hanno superato le 700 presenze.

Alla fine, la parrocchia ospitante ha ringraziato tutti i partecipanti all’evento, offrendo dei piatti tradizionali rumeni.

“Ringraziamo il Vescovo cattolico romano e l’Arcivescovo di Palermo, mons. Corrado Lorefice, il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il Vice Sindaco Fabio Giambrone, la consigliera Maria Pitarresi, il fotografo Claudio Pezzillo e in particolare tutti i partecipanti: la parrocchia di Alcamo – San I. Leon di Catania, Parrocchia di Sciacca – Santo Devoto Teodor studitul, Parrocchia di Ragusa – Santa Devota Melania Romana, Parrocchia di Messina – Parrocchia San Mucenico Pangratie, Parrocchia di Siracusa – San Pietro e Paolo e Santa Lucia, Parrocchia di Enna – San Giovanni Battista, Parrocchia di Canicatti – San Mucenica Filoteia, parrocchia di Catania – Santa Mucenica Agata e la parrocchia organizzatrice Palermo – San Sf. Mc. Haralambie. Grazie a Dio per tutto!”, conclude il Parroco Martinian Constantin Epure.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.