Racconti da Stoccolma, femminicidio, abuso sui minori, violenze sui fragili :ilSicilia.it

il film

Il film: Ma davvero la nostra società non riesce a proteggere i più deboli malgrado i seriali e promettenti slogan politici?

di
5 Luglio 2021

“Racconti da Stoccolma” (2006) di Anders Nilsson ci racconta l’indifferenza e il cinico distacco della nostra “Cultura” dai pericoli che corrono donne, bambini e i più fragili di noi…

“Racconti da Stoccolma” (2006) di Anders Nilsson

Introduzione:

L’Arte e la Bellezza create dalla Donna e dall’Uomo, che hanno talento e passione, generano la Bellezza assoluta che qualche volta si avvicina, ma mai abbastanza, è ovvio, alla bellezza della Natura! Ma quello che creano certamente è Cultura: da condividere e partecipare, e della quale ci dobbiamo appropriare tutti noi esseri umani, tutti i popoli, tutte le comunità che amano la vita, l’amore e il prossimo. L’unica differenza tra l’“Uomo Primitivo delle Caverne” e l’“Homo Technologicus” del XXI Secolo sta proprio nell’essere Uomini e Donne plasmati dalla cultura e detentori di un sapere sempre più ampio, completo e condiviso. Fëdor Michajlovič Dostoevskij, in uno dei suoi Romanzi più belli, “L’Idiota” (1869), scrisse – possiamo spiegarlo in parole semplici così! – che quello che lo spingeva più di ogni altra cosa ad andare avanti, ad amare la vita, che gli dava forza ed energia, in verità, era “la ricerca della bellezza”! Gli studiosi di Dostoevskij hanno estrapolato la sola frase, divenuta storica nella letteratura mondiale, che è questa: “La bellezza salverà il mondo”! Ma in verità – e lo stesso Dostoevskij ce lo suggerisce leggendo con attenzione il suo Romanzo “L’Idiota” – è nella crescita culturale, e quindi nella Cultura, e quindi nella comprensione della Bellezza, che si materializza l’Àncora di salvezza per il mondo intero. Questo per dire che forse quello che dovremmo dire, suggerito da Dostoevskij, è che: “La cultura salverà il mondo”. È dalla Cultura che nell’Uomo e nella Donna si formano e si plasmano, come parte integrante ed inscindibile dell’essere umano, l’Etica, la Morale, il Senso Civico, la Solidarietà Umana, la Pìetas, l’Amore per il prossimo, la Fede per un Dio che ci guida e che ci segna la strada del bene verso il prossimo, la Civiltà di un Intero Popolo. Ed oggi di Cultura, gli abitanti di questo Pianeta, danno quotidiana dimostrazione di possederne veramente poca! Uomini che uccidono Donne e bambini senza alcun sentimento, senza alcuna pietà, senza alcuna moralità, senza etica e civiltà, non sono uomini, ma dèmoni e demòni che si sono mimetizzati tra gli esseri umani e che occorre scovarli uno ad uno e “ucciderli-dalla-vita-civile-e-partecipata” per rinchiuderli per sempre dove potranno far male solo a loro stessi! Se l’uomo colto e civilizzato non farà questo passo, questi dèmoni e demòni prenderanno in mano il mondo e lo faranno loro; e vinceranno; e uccideranno sempre i più deboli e i più indifesi: Donne e Bambini. È questa la verità che i nostri governanti, sopraffatti dalla paura e dalla mediocrità, non hanno capito e non capiranno mai perché sono secoli che i più deboli vengono massacrati da questi dèmoni e demòni senza che abbiano trovato alcun contrasto, alcun impedimento al loro agire, alcuna risposta certa alla loro violenza, al loro essere disumani e privi di qualsiasi emozione che possa caratterizzarli come esseri umani, perché di certo uomini non sono! E allora, secondo questa prospettiva e secondo quello che quotidianamente i mass media ci danno in pasto, solo “La cultura salverà il mondo”! Il Film che ho scelto di recensire, alla luce di quanto accaduto in questi giorni, in questi anni, rappresenta magnificamente e magistralmente questa dura e disumana realtà.

È un Film che DEVE essere visto perché possa far scatenare nello spettatore quella forza e quella determinazione che non gli appartengono per natura, ma che forse potrà recuperare quando si renderà conto che il male che viene fatto al prossimo, alle Donne sole e indifese, ai più fragili, ai Bambini abbandonati, schiavizzati e mercificati per commerci indicibili, è un male del quale siamo complici silenti e pusillanimi tutti quanti quando, pur vedendo, non facciamo nulla e volgiamo lo sguardo da un’altra parte!

Recensione del film i “Racconti da Stoccolma” (2006) di Anders Nilsson.

Uno dei film più belli che ho visto negli ultimi anni! Straordinariamente coinvolgente, che incide violentemente la sensibilità umana dello spettatore che rimane travolto da un pathos empatico implacabile che inesorabilmente lo schiaccia in un angosciante finale: tanto reale quanto crudo e brutale. Le tre storie sono contrassegnate dalla cinica negazione dell’identità e della libertà dei tre protagonisti: due donne e un omosessuale. Diritti negati da obsolete e arcaiche matrici culturali che hanno un impietoso e violento sopravvento sull’amore, sulla pìetas e sulla morale umana. Matrici culturali fortemente impregnate di ottusa religiosità, di prepotenza darwiniana, di becero estremismo, di un senso dell’onore anacronistico e primitivo, che in due storie mortifica e uccide la donna nella sua essenza di madre e nella sua pura e vitale natura di femmina. Il regista, Anders Nilsson, sceneggiatore insieme a Joakim Hansson, rappresenta magistralmente tre vittime che tentano con tutte le loro forze di reagire e di riscattarsi dai soprusi e dalle violenze subite. Ma il finale che la vita vera ci presenta nella quotidianità, non sempre è quello sperato. Film da vedere assolutamente, soprattutto alla luce dei fatti di cronaca di questi mesi e degli ultimi giorni, che hanno visto donne vittime di ominicchi, come direbbe Leonardo Sciascia, che si caratterizzano per una devastante-non-cultura, per assenza di morale e di etica, per privazione di umanità ed empatia, per mancanza di rispetto verso il prossimo, per assenza di fede nell’Uomo e in Dio; Donne vittime di dèmoni e demòni che albergano indisturbati tra noi esseri umani che amiamo la vita e l’amore, come i protagonisti dei tre episodi di un Film straordinario per verità e realismo.

Andrea Giostra

Trama da Coming Soon:

«Racconti da Stoccolma, film drammatico diretto da Anders Nilsson, racconta diverse storie legate al paese della penisola scandinava. Come quella di Leyla (Oldoz Javidi) e Nina (Bahar Pars), due sorelle nate in una famiglia di immigrati, che ora vivono in Svezia dopo un lungo viaggio dal Medio Oriente. Per loro le tradizioni sono molto importanti, ma soprattutto non amano affatto certe libertà ritenute tipicamente occidentali. Come per esempio i comportamenti leggeri che Nina intratterrebbe con alcuni ragazzi, per i quali viene costantemente messa in punizione. Sua sorella si trova per questo spesso a doverla difendere. Poi c’è Carina (Lia Boysen), importante figura del giornalismo, che ha apparentemente una vita serena e una carriera di successo. In realtà, la donna viene abusata e picchiata dal marito, che nutre una profonda invidia nei suoi confronti. Quando con il tempo questa terribile verità uscirà fuori, sarà molto dura per lei superare tutto quello che causerà. Un’altra storia riguarda poi Aram (Reuben Sallmander), titolare di un club notturno. L’uomo decide di recarsi in tribunale per testimoniare a favore di Peter (Per Graffman), uno dei buttafuori del locale che è stato ferocemente aggredito. Questo atto coraggioso gli porterà amare conseguenze: i due uomini cominciano a provare qualcosa l’uno per l’altro, scatenando l’ira e le minacce di molte persone intorno a loro…»

“Racconti da Stoccolma” (2006) di Anders Nilsson:

Scheda IMDb

https://www.imdb.com/title/tt0782700/

Andrea Giostra

https://www.facebook.com/andreagiostrafilm/

https://andreagiostrafilm.blogspot.it

https://www.youtube.com/channel/UCJvCBdZmn_o9bWQA1IuD0Pg

Andrea Giostra
Andrea Giostra
© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin