Il fiume Oreto a Palermo, Gelarda: "I volontari puliscono e la Rap sta a guardare" :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

oltre 40 giorni per rimuovere i rifiuti

Il fiume Oreto a Palermo, Gelarda: “I volontari puliscono e la Rap sta a guardare”

di
13 Dicembre 2018

Il 28 ottobre scorso alcuni volontari avevano pulito e radunato la spazzatura sulla sponda del fiume Oreto ma la Rap, che aveva promesso di rimuoverli, li ha lasciati lì. Soltanto stamattina è stato effettuato l’intervento di bonifica. Sulla vicenda è intervenuto Igor Gelarda, capogruppo della Lega in consiglio comunale e responsabile regionale enti locali del partito guidato dal vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini.

gelardaNella Palermo capitale della cultura 2018, che il sindaco utilizza per ricevere premi in giro per l’Europa in nome di una presunta rinascita della città della quale si accorge solo lui, accade che un gruppo di volontari puliscano il fiume Oreto dai rifiuti per sottrarlo all’abbandono ma poi i sacchi siano stati lasciati marcire lì da un mese e mezzo perché l’amministrazione comunale non trovava le chiavi della sbarra per accedere all’area con i mezzi della Rap. Una scena degna delle migliori pellicole di Totò, se non fosse tutto terribilmente reale”.

“Presenterò un’interrogazione in consiglio comunale – continua Gelardaper chiedere al sindaco quali azioni abbia intenzione di intraprendere per tutelare l’Oreto, verso il quale i palermitani dimostrano sempre tanto interesse”.

Per salvare il fiume dall’abbandono recentemente si è anche mobilitata una parte consistente dell’opinione pubblica cittadina. Sono state raccolte quasi 60 mila firme via internet nell’ambito di un’iniziativa del Fondo per l’ambiente italiano. L’Oreto infatti potrebbe essere il nuovo “Luogo del cuore del Fai”.

“Un’amministrazione comunale che agisce in questo modo, oltre a mortificare l’impegno di chi non si arrende all’incuria e vuole restituire il fiume Oreto al suo antico splendore – conclude Gelarda rappresenta un pessimo esempio per i giovani. Il sindaco, visto che ‘lo sa fare’, partecipi a qualche convegno e premiazione in meno e si preoccupi invece di vigilare di più sulle inefficienze dei suoi uffici”. 

 

Leggi anche:

Il video di Teresa Mannino per il fiume Oreto

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin