Il G7 ha il suo Commissario. È Carpino, già discusso per scelte all'Antiracket | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Messina

Il G7 di Taormina si svolgerà tra il 26 e il 27 maggio

Il G7 ha il suo Commissario. È Carpino, già discusso per scelte all’Antiracket

di
24 Dicembre 2016
“Fumata bianca” per la nomina del Commissario per il G7. Il Consiglio dei Ministri ha nominato il Prefetto Riccardo Carpino commissario straordinario per il G7 di Taormina del 26 e 27 maggio. Sarà lui a occuparsi degli appalti che ruoteranno attorno al meeting internazionale. L’indicazione della figura che dovrà occuparsi degli aspetti organizzativi del summit internazionale era attesa da tempo, ed è stata formalizzata nella mattinata odierna nell’ambito della seduta di CdM dedicata al Mezzogiorno. Nato a Catania, 59 anni, Carpino è stato ritenuto la figura adatta a gestire l’impegnativo compito di sovrintendere le attività organizzative con particolare riferimento alla predisposizione dei cantieri per i lavori necessari allo svolgimento del G7 nella Perla dello Ionio.

Carpino è stato nominato Prefetto nel 2007, è stato Commissario per il coordinamento delle iniziative di solidarietà per le vittime dei reati di tipo mafioso. Un ruolo discusso finito al centro di un interrogazione parlamentare del Movimento 5 Stelle lo scorso marzo, per aver “deciso di bloccare tutti i pagamenti del Comitato, sia quelli relativi alle spese legali, sia quelli relativi ai risarcimenti riconosciuti in favore delle vittime” dei reati antiracket. Tra il 2013 e il 2014 è stato Commissario straordinario della Provincia di Roma, esercitando le funzioni del Consiglio, della Giunta e del Presidente della provincia. Tra i numerosi incarichi svolti in carriera quello di Presidente della Commissione paritetica per l’attuazione dello Statuto della Regione Sardegna; E’ stato, inoltre, Presidente della Commissione di concorso per il conferimento di incarichi dirigenziali nella Regione Campania. Il neo commissario è stato anche componente  della Commissione che ha redatto il testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali ricevendo un encomio solenne del Ministro dell’Interno.

Tra gli incarichi ricoperti anche quello di Componente del “gruppo di studio sulle problematiche interpretative ed applicative della legge 15 maggio 1997, n. 127 in materia di snellimento dell’attività amministrativa e dei procedimenti di controllo”. Dai prossimi giorni, dopo le festività il Commissario incaricato sarà quindi “al timone” delle operazioni di preparazione del G7 e soprattutto si occuperà della gestione degli interventi pubblici da porre in essere e per i quali Palazzo Chigi, nella precedente fase di governo quando era Premier Matteo Renzi, ha stanziato gli appositi fondi nella Legge di Bilancio.
© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin