Il gatto che ama i carretti siciliani della bottega Ducato [FOTO] | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Prospettive feline in Sicilia

Il gatto che ama i carretti siciliani della bottega Ducato [FOTO]

di
14 Novembre 2017
ph. Alessio Manna
ph. Alessio Manna
Michele Ducato e Gigia
ph. Alessio Manna
ph. Alessio Manna

BAGHERIA (PA) – Non è la classica storia da gatti. Gigia, certosino grigio perla, dagli occhi verde smeraldo, con sguardo attento e a tratti furbetto, vigila affinché nessuno disturbi la quiete e l’atmosfera di un luogo antico, ricco di fascino e tradizione. Lei è la gatta che abita nella bottega di Michele Ducato, noto pittore bagherese di carretti, della famiglia degli “artigiani di pregio”, come li definiva Renato Guttuso. 

Le zampette bianche si intravedono tra pennelli e colori. In alto su uno scaffale, Gigia osserva il lavoro che richiede pazienza e dedizione, espressione più autentica dell’eccellenza siciliana. La felina poi sgattaiola tra tavole e giornali, riappare vicino ad un barattolo imbrattato di colore e attorciglia la coda.

Lei in questo laboratorio è arrivata per caso o meglio il destino ha voluto che diventasse la sua casa. Una giornata come tante, l’istinto felino di curiosare, il trovarsi dentro un luogo d’arte e di tradizione. Capirete bene che ad una piccola tigre con certi baffi non poteva sfuggire una simile occasione. Poi l’incontro: quando un gatto sceglie il proprio compagno, è fatta. Michele sin dal primo momento non ha avuto dubbi, l’ha tenuta con sé, nella sua bottega.

Gigia si muove con un’andatura rapida ed elegante, ricorda lo sfogliare veloce di un libro di cui si vorrebbe conoscere con un solo battito di ciglia l’intera storia. Il suo pancino bianco sfiora fotografie, manifesti, libri e attrezzi del mestiere che da Giuseppe sono passati a Michele.

Michele Ducato e Gigia

La guardiana felina ha tutto sotto controllo. Quando il lavorio intenso e minuzioso del padrone viene interrotto da ospiti o visite inaspettate, la gatta strofina la testa su Michele, quasi volesse indicare a chi la guarda il legame con il padrone. Scompare per un breve istante e, prima che possa sentire la porta del laboratorio chiudersi, innalza il suo corpo raffinato su un carretto già rifinito. Gigia risplende tra i colori della bottega di Michele Ducato: c’è il giallo, il bianco, il blu e il rosso intenso.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin