22 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.16
Palermo

L'incuria di politiche ipocrite offende l'identità della città

Il Genio trascurato e sfregiato nella Palermo tirata a lucido

13 Settembre 2018

Nella città tirata a lucido per la visita del Papa, chi non ne beneficia è il suo Padre, il Genio, umiliato e sfregiato, nonostante sia uno dei principali simboli di Palermo.

Lo scatto è di adesso, del 13 settembre, e non ci sarebbe nulla da aggiungere: da un lato c’è la Palermo che si rifà il look mettendo la polvere (e la munnizza)  sotto il tappeto e dall’altro, l’incuria e il disamore. Ma in questo caso l’immondizia non viene nemmeno nascosta: è lì, in piazza del Garraffo, nel cuore della Vucciria, a fare da squallida e quotidiana cornice alla statua del Genio realizzata nel 1483 da Pietro de Bonitate. Una delle più antiche e una delle più maltrattate in questa Palermo a cui del Nume tutelare della Città non frega niente quasi a nessuno. Non sicuramente, a chi ha il dovere di tutelare e promuovere questo meraviglioso simbolo di identità palermitana.

Non basta certo realizzare mostre sul Genio o istituire una “ricorrenza” a Lui dedicata ogni anno il 12 gennaio. Parlano i fatti. Parla il nulla di chi potrebbe e non fa.

L’immondizia a pochi centimetri dalla scultura racconta la triste verità di questo luogo. Nonostante un complesso restauro della statua venne completato nel 2013, l’edificio in cui è incastonata è malandato, la parete in cui è ospitata è scarabocchiata da pseudo graffiti e, dulcis in fundo, a completare il quadretto del degrado c’è un’auto posteggiata proprio davanti alla statua. Qui non c’è mai stato alcun divieto di sosta.

Un monumento che non è valorizzato, per il quale non vi è alcuna manutenzione e che viene semplicemente trascurato. Questa è la quotidianità del Genio del Garraffo. Eppure, come abbiamo scritto anche in un altro nostro articolo sul blog culturale Nuove Verrine, il Genio di Palermo potrebbe e dovrebbe essere un brand turistico e culturale per la città, oltre che l’occasione per un riscatto sociale che affermi l’identità palermitana, ormai mortificata anch’essa da politiche ottuse e farcite di slogan. Diciamocela tutta: politiche che raccontano di una Palermo che fa di Manifesta il proprio biglietto da visita, ma che dimenticano e trascurano la propria storia e la propria essenza, sono politiche fallimentari. Sono lo specchio di una città che scambia un clamoroso bluff per la propria ragion d’essere.

I figli e le figlie di Palermo, i figli e le figlie del Genio che è il nostro Protettore insieme a Rosalia e alle altre Sante, si indignino una volta per tutte e facciano di questo Sacro Nume la propria bandiera da sventolare al mondo e all’incultura che regna sovrana. Viva Palermu lu Granni, viva il nostro Genio. 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Cosa vi sta capitando?

Il telefonino quale strumento “democratico” alla portata di tutti, dal Papa al migrante appena sbarcato. Ma credete veramente che chi muove le fila delle marionette potesse permettere la diffusione di “strumenti democratici” se non per altri fini che di democratico non hanno nulla?
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.