Il Genio trascurato e sfregiato nella Palermo tirata a lucido | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

L'incuria di politiche ipocrite offende l'identità della città

Il Genio trascurato e sfregiato nella Palermo tirata a lucido

di
13 Settembre 2018

Nella città tirata a lucido per la visita del Papa, chi non ne beneficia è il suo Padre, il Genio, umiliato e sfregiato, nonostante sia uno dei principali simboli di Palermo.

Lo scatto è di adesso, del 13 settembre, e non ci sarebbe nulla da aggiungere: da un lato c’è la Palermo che si rifà il look mettendo la polvere (e la munnizza)  sotto il tappeto e dall’altro, l’incuria e il disamore. Ma in questo caso l’immondizia non viene nemmeno nascosta: è lì, in piazza del Garraffo, nel cuore della Vucciria, a fare da squallida e quotidiana cornice alla statua del Genio realizzata nel 1483 da Pietro de Bonitate. Una delle più antiche e una delle più maltrattate in questa Palermo a cui del Nume tutelare della Città non frega niente quasi a nessuno. Non sicuramente, a chi ha il dovere di tutelare e promuovere questo meraviglioso simbolo di identità palermitana.

Non basta certo realizzare mostre sul Genio o istituire una “ricorrenza” a Lui dedicata ogni anno il 12 gennaio. Parlano i fatti. Parla il nulla di chi potrebbe e non fa.

L’immondizia a pochi centimetri dalla scultura racconta la triste verità di questo luogo. Nonostante un complesso restauro della statua venne completato nel 2013, l’edificio in cui è incastonata è malandato, la parete in cui è ospitata è scarabocchiata da pseudo graffiti e, dulcis in fundo, a completare il quadretto del degrado c’è un’auto posteggiata proprio davanti alla statua. Qui non c’è mai stato alcun divieto di sosta.

Un monumento che non è valorizzato, per il quale non vi è alcuna manutenzione e che viene semplicemente trascurato. Questa è la quotidianità del Genio del Garraffo. Eppure, come abbiamo scritto anche in un altro nostro articolo sul blog culturale Nuove Verrine, il Genio di Palermo potrebbe e dovrebbe essere un brand turistico e culturale per la città, oltre che l’occasione per un riscatto sociale che affermi l’identità palermitana, ormai mortificata anch’essa da politiche ottuse e farcite di slogan. Diciamocela tutta: politiche che raccontano di una Palermo che fa di Manifesta il proprio biglietto da visita, ma che dimenticano e trascurano la propria storia e la propria essenza, sono politiche fallimentari. Sono lo specchio di una città che scambia un clamoroso bluff per la propria ragion d’essere.

I figli e le figlie di Palermo, i figli e le figlie del Genio che è il nostro Protettore insieme a Rosalia e alle altre Sante, si indignino una volta per tutte e facciano di questo Sacro Nume la propria bandiera da sventolare al mondo e all’incultura che regna sovrana. Viva Palermu lu Granni, viva il nostro Genio. 

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin