Il giallo del raid in procura a Caltanissetta. Indagini su un altro pm che si occupava delle stragi mafiose :ilSicilia.it
Caltanissetta

Le indagini proseguono. Ma le telecamere di videosorveglianza non erano attive

Il giallo del raid in procura a Caltanissetta. Indagini su un altro pm

19 Aprile 2017
La procura di Caltanissetta
La procura di Caltanissetta

La polizia Scientifica di Caltanissetta sta verificando se anche l’ufficio del pm Stefano Luciani, titolare di inchieste molto delicate come quelle sulle stragi del ’92, sia stato oggetto dell’incursione notturna subita dall’aggiunto Lia Sava nei giorni scorsi. Ignoti sono entrati nella stanza del magistrato e l’hanno messa a soqquadro lasciando a terra pezzi di calcinacci, piante spostate, il pc acceso e danneggiando due prese elettriche. Il raid effettuato nell’ufficio dell’aggiunto – chi ha agito aveva l’intenzione di lasciare segni evidenti del suo passaggio – potrebbe essere stato un diversivo per nascondere la “visita” nella stanza di Luciani. L’inchiesta è condotta dalla Procura di Catania.

Solidarietà al procuratore aggiunto di Caltanissetta Lia Sava, per il raid che c’è stato nel suo ufficio, e all’intera procura, è stata espressa dal plenum del Csm. Un blitz che è stato reso possibile dal fatto che non erano attivi gli strumenti di videosorveglianza, come ha ricordato il togato di Magistratura democratica Piergiorgio Morosini.

 

Antonello Montante
Antonello Montante

Sava è titolare di delicate inchieste, come quella in cui l’ex presidente di Confindustria siciliana Montante è accusato di concorso esterno.  Ma anche quelle sui possibili complici esterni di Cosa nostra nelle stragi Falcone e Borsellino, ma anche sulla gestione dei beni confiscati.

“La nostra solidarietà è totale”, ha detto Legnini, esprimendo apprezzamento per un ufficio “gestito con impegno e dedizione” e invitando i consiglieri componenti del tavolo paritetico con il ministero della Giustizia a rilanciare in quella sede con “rinnovata forza” la questione della sicurezza negli uffici giudiziari.

Anche la sezione nissena dell’Anm esprime ”viva preoccupazione” per il presunto raid nella stanza del procuratore aggiunto di Caltanissetta Lia Sava. La Giunta manifesta ”solidarietà e stima” a Sava che ”ha subito un inquietante ed inaccettabile atto intimidatorio e di ingiustificata intromissione nel suo luogo di lavoro”.

La sezione dell’Anm ”ribadisce l’assoluta necessità di rendere sicuri e scevri da ogni tipo di intrusione, urgentemente, i luoghi ove quotidianamente i magistrati del distretto esercitano le funzioni giudiziarie”. La giunta sezionale ”ribadisce con forza che la salvaguardia della sicurezza dei luoghi di lavoro, dell’incolumità dei Magistrati operanti nell’intero distretto, dei fruitori del servizio Giustizia e del personale amministrativo addetto ai diversi Uffici giudiziari, deve essere tema assolutamente centrale e prioritario rispetto ad ogni altra questione e necessita di risposte immediate ed efficaci perché un luogo insicuro e penetrabile non consente di svolgere serenamente la propria attività giudiziaria”. L’Anm chiede un incontro con i vertici giudiziari del distretto per ”conoscere le iniziative e gli interventi in materia di sicurezza e per fornire il nostro contributo alla soluzione delle problematiche”.

 

Sergio Lari
Sergio Lari

Anche il procuratore generale di Caltanissetta, Sergio Lari, parlando della questione sicurezza al palazzo di giustizia di Caltanissetta dopo il “raid”, afferma: “Auspico che l’episodio avvenuto a danno del procuratore aggiunto Lia Sava contribuisca a sensibilizzare maggiormente il Ministero rispetto alle nostre richieste, risalenti all’anno scorso, di un progetto di risistemazione di tutti gli impianti di videosorveglianza. Metterò insieme una documentazione e la invierò domani stesso al Ministero della Giustizia”.

 

 

LEGGI ANCHE

Caltanissetta, allerta in procura. Raid notturno nell’ufficio di un magistrato

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona