Il Giardino della Memoria scelto fra i progetti del "The Plan Awards 2020" :ilSicilia.it
Palermo

Premiata l'idea degli architetti Valentina Careri, Fabrizio Cassiba e Michele Giletto

Il Giardino della memoria scelto fra i progetti del “The Plan Awards 2020”

di
6 Agosto 2020

Il Giardino della Memoria è stato scelto tra i migliori progetti al mondo nella sezione landscape del premio internazionale “The Plan Awards 2020“.

Il progetto, realizzato in occasione del 25esimo anniversario della strage di Capaci, ha visto in campo il sapiente ingegno degli architetti Valentina Careri, Fabrizio Cassiba e Michele Giletto.

LE PAROLE DEL SINDACO DI ISOLA DELLE FEMMINE

Soddisfatto il sindaco di Isola delle FemmineStefano Bologna.

Sono orgoglioso del riconoscimento che i professionisti hanno raggiunto, sono fiero di essere stato parte di questa avventura sin dalla prima parte: dall’idea, al progetto, dall’approvazione all’iter non sempre semplice di realizzazione“.

Un lavoro di squadra che ha coinvolto Comune di Isola delle Femmine, Regione Siciliana e Anas, in un luogo simbolo ed estremamente vivo. Il giardino Quarto Savona Quindici, dal nome della scorta del giudice Giovanni Falcone, è stato restituito alla comunità, desiderosa di riscatto e di dichiarare, apertamente da che parte sta“.

Un ricordo, come sempre commosso, va a chi in quella porzione di terra ha perso la vita, Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Antonio Montinaro, Rocco Dicillo, Vito Schifani“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.