23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.42

La politica italiana verso il voto di marzo

Il gioco delle tre carte: si vota Berlusconi e si manda al governo il Pd [video editoriale]

14 Dicembre 2017

GUARDA IL VIDEO EDITORIALE IN ALTO

Lo sapevate che se alle elezioni Politiche del 4 marzo (la data ormai è certa) voterete Forza Italia, il prossimo presidente del Consiglio potrebbe essere Paolo Gentiloni del Pd? No? Eppure, lo ha candidamente affermato proprio Silvio Berlusconi, spiegando che, se dalle urne non dovesse venir fuori una maggioranza, allora si potrebbe confermare l’attuale premier (stavolta con l’appoggio di Forza Italia) e poi avviare le pratiche per nuove elezioni.

Già, proprio così. Si vota Forza Italia e si manda al governo il Pd. E d’altronde, non sarebbe una novità… Quanto poi al “governo per pochi mesi”, pure un bambino comprende che nessuno, all’indomani del voto, vorrebbe imbarcarsi in una nuova campagna elettorale a breve. E così l’Italia si terrà un governo “Gentiloni bis” chissà per quanto tempo.

Se nel centrodestra le cose stanno così, nel centrosinistra risuonano ancora le parole del presidente del Senato Grasso, che pochi giorni fa ha dichiarato che dopo le elezioni si potrebbe trovare un’intesa fra “Liberi e uguali” e il Pd. Insomma, questo Partito democratico tutti lo cercano.

Questo e altro ancora nel nostro primo video editoriale, pubblicato sopra il testo. Buona visione.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.