Il giorno del Dalai Lama a Palermo, nessuno si volti dall'altro lato | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Ricordando il popolo Tibetano

Il giorno del Dalai Lama a Palermo, nessuno si volti dall’altro lato

di
18 Settembre 2017
Palermo 1792017 ( FOTO PETYX PALERMO) Dalai Lama a Palermo nella foto: l'arrivo all'aeroporto di Boccadifalco
Palermo 1792017 ( FOTO PETYX PALERMO) Dalai Lama a Palermo nella foto: l'arrivo all'aeroporto di Boccadifalco
Palermo 1792017 ( FOTO PETYX PALERMO) Dalai Lama a Palermo nella foto: l'arrivo all'aeroporto di Boccadifalco
Palermo 1792017 ( FOTO PETYX PALERMO) Dalai Lama a Palermo nella foto: l'arrivo all'aeroporto di Boccadifalco
Palermo 1792017 ( FOTO PETYX PALERMO) Dalai Lama a Palermo nella foto: l'arrivo all'aeroporto di Boccadifalco

La visita del Dalai Lama nel capoluogo siciliano è iniziata domenica 17 settembre con l’arrivo all’aeroporto di Boccadifalco.

Tenzin Gyatso, la Massima autorità spirituale del Buddhismo Tibetano e Premio Nobel per La Pace, oggi parla al Teatro Massimo di Palermo sulla “Educazione alla Gioia“. Un tema non facile, di questi tempi, visto l’alto tasso di infelicità degli esseri umani e le percentuali, purtroppo elevatissime, di quanti vivono la propria esistenza in modo conflittuale. Essere educati alla gioia inverte la prospettiva, perché restituisce la possibilità di ritrovare un asse, un centro di gravità, dal quale guardare la realtà con occhi nuovi.

La vita torna ad essere, in questo modo, un formidabile serbatoio di energia e la natura e il pianeta un gigantesco spazio nel quale l’essere umano può realizzare se stesso. Una realizzazione che non può e non deve avvenire mortificando l’ambiente circostante o gli altri esseri umani, ma accogliendo l’altro in sé. Essere educati alla gioia ci permette di aprirci alle influenze che provengono dal pianeta e dall’universo e restituire i doni ricevuti. E’ così possibile ritrovare una dimensione più sana per la nostra esistenza, ciascuno nel proprio ruolo.

Purtroppo, anche la visita siciliana del Dalai Lama è stata accompagnata da polemiche, non a Palermo, dove Sua Santità è da tempo cittadino onorario, ma queste hanno accompagnato la tappa messinese del tour. Qualcuno ha contestato al sindaco di Messina Renato Accorinti l’aver messo al collo di Sua Santità Tenzin Gyatso la fascia tricolore da primo cittadino. A nostro parere, il sindaco messinese ha fatto più che bene, soprattutto perché il suo gesto è stata la risposta elegante ma decisa alle pressioni che nell’inverno scorso il governo cinese aveva fatto, inviando una delegazione, con lo scopo di chiedere di annullare la visita della guida spirituale del Tibet nella Città dello Stretto.

Un gesto semplice, dunque, quello del sindaco di Messina, che riconcilia noi Siciliani con la verità storica di un popolo, quello tibetano, massacrato da una feroce dittatura comunista, che ha invaso i luoghi sacri del Tibet e la stessa città di Lhasa. Un’invasione e un massacro che purtroppo, a distanza di molti anni, continuano a passare sotto silenzio, nella colpevole indifferenza dei governi di mezzo mondo.

Chi fa affari con la Cina, infatti, non ha alcun interesse nel sottolineare i crimini contro l’umanità che nel Paese estremo orientale continuano ad essere commessi quotidianamente. Non ha alcun interesse a ricordare come in Cina siano tuttora calpestati i più elementari diritti umani. La potenza degli investimenti economici cinesi, purtroppo, muove interessi mastodontici ed è per questo che la visita in Sicilia del Dalai Lama interessa soltanto a pochi. Troppo forti le pressioni. Meglio restare colpevolmente distratti, pensano in molti.

Non vedrete il presidente del Consiglio Gentiloni e nemmeno il Capo dello Stato, il palermitano Mattarella, ad accogliere la massima guida spirituale del Buddhismo tibetano. Eppure, il Dalai Lama è uno dei leader spirituali più importanti e autorevoli del mondo e fino a pochi anni fa era anche guida politica del suo popolo.

No, cari signori che gestite il potere in Italia come nel mondo. Noi non ci voltiamo dall’altra parte. Non mettiamo la testa sotto la sabbia come gli struzzi pur di non vedere le atrocità di una dittatura con cui i vostri governi fanno affari.

Accogliamo il Dalai Lama, aperti ad ascoltare la sua Parola che nasce da insegnamenti millenari e universali. Senza pregiudizi e con la speranza che la gioia possa permeare i cuori di tutti. Anche dei malvagi.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.