Il giro di boa di Musumeci, il M5S lascia l'Ars: "Gesto plateale che non fa bene a nessuno" :ilSicilia.it

lavori d'aula

Il giro di boa di Musumeci, il M5S lascia l’Ars: “Gesto plateale che non fa bene a nessuno”

di
1 Luglio 2020

Il presidente Musumeci è in Aula a sciorinare il suo programma attuato a metà della sua Legislatura. Una frecciatina lanciata all’Aula prima di leggere le sue 30 pagine che sono un sunto degli obiettivi raggiunti con il suo governo. “Credo sia la prima volta che un presidente di questa regione svolga un documento a metà legislatura, eppure, la norma regolamentare, è che tutti ritenevamo fosse assolutamente non applicata per volere unanime risale a 17 anni fa“. Un sassolino nella scarpa ripreso da un post di Alessandro Aricò, capogruppo di DiventeràBellissima, in un post di replica a Claudio Fava, che ieri aveva puntato il dito contro ‘l’aristocrazia’ di Musumeci: “Come avevamo annunciato oggi – è il post di Aricò – Nello Musumeci è il primo governatore che relaziona al’Ars. Caro Claudio Fava, lasciamo a te  le polemiche e le figuracce. Noi preferiamo i fatti”.

Numerosi i punti toccati dal governatore a Sala d’Ercole. Dalla pesca all’agricoltura passando dalla stabilizzazione dei precari regionali, alle Zes al centro direzionale: “volontà di questo governo“.

Posso con orgoglio affermare che parecchi obiettivi sono stati raggiunti e che altri attendono di essere attuati nella seconda metà di questa legislatura ma sulle iniziali prospettive programmatiche stanno pesando e peseranno le conseguenze disastrose dell’epidemia influenzale“. Afferma Nello Musumeci. Poco prima dell’inizio dell’intervento del governatore il Movimento cinque stelle ha abbandonato l’Aula per protestare contro la mancata presentazione della relazione nei tempi previsti dal regolamento del Parlamento regionale. “Mi amareggiano i malesseri di alcuni deputati sulla mancata consegna del testo scritto e di questo mi dolgo e mi scuso, ma ho il cattivo carattere di non delegare ad altri quello che devo riferire in Aula – ha sottolineato Musumeci -. Non sono riuscito in tempo a completare in tempo una relazione che ripercorre l’attività portata avanti finora“.

Prima di abbandonare l’Aula il capogruppo del M5S afferma dal pulpito di Sala d’Ercole: “La mancata trasmissione in anticipo del documento ai deputati, come previsto dal regolamento  è la goccia che ha fatto traboccare il vaso della nostra pazienza e l’ennesima prova dell’assoluta mancanza di riguardo di Musumeci nei confronti di questa istituzione, che, tra l’altro, ormai diserta sistematicamente. È più che evidente l’intento del presidente di evitare il confronto coi deputati e di dare il via all’ennesima celebrazione del nulla senza contraddittorio. Sono tantissime le cose di cui sarebbe piaciuto chiedergli conto e ragione. Speriamo che ce ne sia data occasione in futuro, ma a questo punto ormai non ci meravigliamo più di nulla”.

Il governatore presenta all’Aula anche l’ultimo assessore arrivato tra le sue fila: Alberto Samonà della Lega. Snocciolando inoltre anche i progetti di riqualificazione dei parchi archeologici e i progetti che l’assessorato ai Beni Culturali sta attuando. Parole anche per il corpo Forestale “Per noi va potenziato e dotato di ogni strumento. Con la legge proposta dal governo è stato eliminato il blocco del turn over. E’ stato avviato il processo per i concorsi“.

Musumeci ha acceso anche i riflettori anche sul sistema rifiuti. “Si è costruito e alimentato nel corso degli ultimi decenni nel settore dei rifiuti un sistema per favorire un perverso intreccio tra politica, burocrazia e imprenditoria privata. Perverso – ha aggiunto – perché l’obiettivo finale non era assicurare un primario servizio, ma si è dato vita ad un pericoloso oligopolio che controlla circa l’80% del ciclo dei rifiuti con politica assente, o per lo meno distratta e qualche volta acquiescente. La politica a tutti i livelli e in tutti i settori ha potuto procedere all’assunzione, senza concorso, di migliaia di persone in quel comparto, che oggi rende in quest’aula quelle persone il pegno umano su cui trovare l’intesa per portare al voto il Ddl sui rifiuti presentato lo scorso anno da questo Governo“.

Finita la Relazione di Musumeci. Il presidente dell’Ars bacchetta il gruppo parlamentare del Movimento 5 stelle: “Abbiamo scelto con tutti i capi gruppo di ascoltare il governatore. Il gesto plateale non fa bene a nessuno. Non apro il dibattito perché la rinvieremo. Quindi dichiaro chiusa la seduta“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.