Il Giro d'Italia lascia la Sicilia, a Villafranca Tirrena vince Demare | FOTO e VIDEO :ilSicilia.it
Banner Bibo
Messina

LA QUARTA FRAZIONE

Il Giro d’Italia lascia la Sicilia, a Villafranca Tirrena vince Demare | FOTO e VIDEO

di
6 Ottobre 2020
Giro d'Italia, il gruppo a Villafranca Tirrena, foto di Pietro Minardi
Giro d'Italia, il gruppo a Villafranca Tirrena, foto di Giuseppe Bertolino
Giro d'Italia, il gruppo a Villafranca Tirrena, foto di Giuseppe Bertolino
Giro d'Italia, il gruppo a Villafranca Tirrena, foto di Giuseppe Bertolino
Giro d'Italia, Joao Almeida in rosa. Foto di Giuseppe Bertolino
Giro d'Italia, il gruppo a Villafranca Tirrena, foto di Giuseppe Bertolino.
Giro d'Italia, il gruppo a Villafranca Tirrena, foto di Giuseppe Bertolino.
Giro d'Italia, il gruppo a Villafranca Tirrena, foto di Giuseppe Bertolino.
Giro d'Italia, il gruppo a Villafranca Tirrena, foto di Giuseppe Bertolino.
Giro d'Italia, il gruppo a Villafranca Tirrena, foto di Giuseppe Bertolino.
Giro d'Italia, il gruppo a Villafranca Tirrena, foto di Pietro Minardi
Giro d'Italia, il gruppo a Villafranca Tirrena, foto di Pietro Minardi
Giro d'Italia, il gruppo a Villafranca Tirrena, foto di Pietro Minardi
UAE Emirates a Villafranca Tirrena, foto di Pietro Minardi.

GUARDA LE FOTO IN ALTO

Arnaude Demare (FDJ) vince la quarta tappa del Giro d’Italia, Catania-Villafranca Tirrena di 140 chilometri. Il francese è stato pilotato benissimo sul lungomare Cristoforo Colombo dal compagno di squadra Jacopo Guarnieri. Altro secondo posto per Peter Sagan (Bora), mentre il gradino più basso del podio di giornata spetta a Davide Ballerini (Deceuninck).

Joao Almeida mantiene la maglia rosa, fortificata dalla vittoria del traguardo volante a Barcellona Pozzo di Gotto. La Corsa Rosa lascia così la Sicilia per approdare in Calabria, dove domani si svolgerà la quinta tappa Mileto – Camigliatello Silano di 225 km. Una frazione che sarà caratterizzata dalla presenza del Valico di Montescuro, il cui GPM è sito ai meno dodici dall’arrivo.

LA GARA

La tappa si apre con una notizia che appariva annunciata, anche alla luce di quanto accaduto ieri: Geraint Thomas lascia la Corsa Rosa. Il gallese, a seguito della caduta ad Enna, ha riportato una frattura del bacino ed è stato costretto ad abbandonare la competizione.

In gara la tappa inizia con un cielo plumbeo ed una pioggerellina che rende viscido l’asfalto. Ma le cattive condizioni meteo non frenano gli attaccanti di giornata. In tre si lanciano in fuga: Marco Frapporti (Vini Zabù), Simon Pellaud (Androni) e Kamil Gradek (CCC).

Nuova caduta, sempre a causa di una borraccia, nel gruppo della maglia rosa. Stavolta a finire per terra è Peter Weening, della Trek Segafredo.

Intanto, sul GPM di terza categoria di Portella Mandrazzi,  Pellaud saluta la compagnia dei suoi due compagni di fuga e scollina per primo. Calma piatta nel gruppo, condotto in testa dagli uomini della Trek Segafredo di Vincenzo Nibali, che ha preferito non prendere rischi in vista della discesa.

Il gruppo però rinviene e raggiunge gli attaccanti. L’ultimo a mollare è proprio Pellaud, che riesce comunque a vincere il traguardo volante. Qui parte lo sprint fra Caicedo ed Almeida per conquistare l’abbuono che vale la maglia rosa. A prevalere è proprio Almeida, che “ruba” due secondi al colombiano grazie all’aiuto di Ballerini.

Da qui in poi è una lunga volata verso l’arrivo di Villafranca Tirrena. La FDJ lancia lo sprint con Guarnieri che lancia perfettamente Demare ai 200 metri dal traguardo. Sagan prova a rimontare insieme a Ballerini, ma il francese resiste e si porta a casa la tappa.

GUARDA IL VIDEO IN BASSO

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti