21 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.23

Seduta incandescente all'Ars

Il governo cade sulla Finanziaria ed è il caos. Micciché: “I siciliani ci ammazzano”

13 Febbraio 2019

Bufera sulla finanziaria regionale e sulla maggioranza di governo. Dopo due giornate in cui si era viaggiato a velocità di crociera, seduta incandescente all’Ars, con frizioni evidenti nella coalizione che sostiene Musumeci. Rimanevano da esaminare quattordici articoli della Legge di Stabilità che erano stati accantonati nelle sedute precedenti e le premesse sembravano buone per arrivare all’approvazione in breve tempo.

Poi il caos. In Aula, dove era assente il presidente della Regione Nello Musumeci, il governo è caduto due volte su tre votazioni finali agli articoli: la prima su quella che era considerata una delle norme simbolo dell’impianto normativo e non a caso inserita all’articolo 1 della Finanziaria, il cosiddetto modello Portogallo. Il governo è stato impallinato da 35 voti a favore dell’emendamento soppressivo presentato da Claudio Fava.

La seconda volta durante la votazione dell’articolo 7. L’Ars ha votato contro l’emendamento del governo presentato dall’assessore all’Economia, Gaetano Armao, con la bocciatura della norma sul ripianamento del disavanzo e della possibilità di accumulare 53 milioni l’anno per tre anni nel fondo dei crediti di dubbia esigibilità.

Tesissima l’atmosfera a Palazzo dei Normanni, con l’assessore Armao che nei corridoi, sbotta: “Non chiederemo una proroga dell’esercizio provvisorio“, mentre il presidente Gianfranco Micciché ha preso atto dell’impossibilità di andare avanti e ha dovuto sospendere l’Aula

Sono avvilito da questo clima, gridano tutti – ha detto il Presidente dell’Ars – Dobbiamo dimostrare di essere persone serie, altrimenti i siciliani ci aspettano fuori da questo palazzo e ci ammazzano“. Puntualmente, Micciché si è presentato in Aula all’orario stabilito, ma non ha potuto fare altro che comunicare che la ripresa della seduta era rinviata al 14 febbraio.

Durissime critiche dal Pd, che con il capogruppo all’Ars Giuseppe Lupo commenta: “Il presidente Musumeci prenda atto che il suo governo è paralizzato dagli scontri interni alla maggioranza. Quella che doveva essere la sua prima ‘vera’ legge finanziaria si sta dimostrando un flop senza precedenti“.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.