Il governo cerca alberghi in Sicilia da adibire a centri per migranti, la Lega: "Assurdo" :ilSicilia.it

Candiani: "Non si possono sostituire i turisti con i clandestini"

Il governo cerca alberghi in Sicilia da adibire a centri per migranti, la Lega: “Assurdo”

di
14 Aprile 2020

La Lega Salvini Premier contesta l’avviso pubblicato dalla prefettura di Trapani, con il quale, “per ottemperare alle richieste del Ministero dell’Interno”, si cercano alberghi da adibire luoghi in cui far trascorrere la quarantena per gli immigrati che approdano sulle coste siciliane.

“Questo avviso pubblico dice che il governo Conte ha intenzione di rimettere in funzione il business attorno ai migranti, che era grave ieri ed è gravissimo oggi in presenza dei colpi inferti all’economica dal coronavirus. Ne derivano due situazioni di fronte alle quali prendiamo posizione in materia determinata: è chiaro che il governo non ha alcuna intenzione di fermare gli sbarchi e sta adottando decisioni opposte, rispetto a ciò che dovrebbe fare in questo momento così delicato; inoltre, una volta portati gli immigrati sul territorio, si innescherà nuovamente quel meccanismo di business, che stavolta può diventare addirittura mortale per il sistema turistico siciliano”.

Lo dichiara Stefano Candiani, segretario regionale della Lega, senatore leghista, già sottosegretario all’Interno con Salvini ministro.

“Se questa – dice ancora Candiani – diventa l’alternativa alla presenza dei turisti che non ci sono più per la crisi economica e per i blocchi dovuti al coronavirus, allora l’immagine stessa della bella Sicilia che attrae e accoglie i turisti nei suoi alberghi, va a farsi benedire. Noi pretendiamo e vogliamo che vi sia il blocco degli sbarchi; che non ci sia alcuna presenza di immigrati negli alberghi, che devono, invece, essere rimessi in funzione per il turismo il prima possibile.

“Come abbiamo chiesto con emendamenti all’interno del Decreto governativo sulle misure economiche da adottare contro gli effetti del covid19 – conclude – proponiamo un buono da 250 euro da dare a chiunque venga non appena possibile in Sicilia per trascorrere le proprie vacanze, come chiesto anche per le altre località turistiche italiane. Se il governo nazionale non dovesse farlo, lo faccia almeno il governo regionale, ma non si può andare a sostituire il sistema turistico con quello dell’immigrazione e la presenza di turisti con gli immigrati clandestini, perché questa sarebbe una mazzata mortale all’intero settore dell’Isola”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.