15 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.31

venerdì 23 agosto

Il Gran Galà dell’Opera Lirica Italiana al Teatro di Cartagine

18 Agosto 2019

A chiusura della 55a edizione del Festival Internazionale di Cartagine, venerdì 23 agosto, al Teatro di Cartagine, alle ore 22.00, un evento esclusivo: il Gran Galà dell’Opera Lirica Italiana. Un viaggio tra i capolavori del melodramma italiano con le sinfonie, le arie e i cori che hanno fatto la storia dell’opera lirica. Dal Nabucco al Trovatore, dal Barbiere di Siviglia, a Cavalleria Rusticana, Carmen, La Traviata e Rigoletto. Musiche di Bizet, Verdi, Puccini, Leoncavallo, Mascagni, Bellini, Rossini.

Sul palcoscenico quattro solisti di caratura internazionale: Francesca Sassu, Sergio Vitale, Angelo Villari, Valeria Tornatore, accompagnati dall’Orchestra e dal Coro dell’Ente Luglio Musicale Trapanese e la bacchetta del M° Andrea Certa. Il coro sarà diretto dal M° Fabio Modica.

Si tratta di un evento inserito nell’ambito del progetto di cooperazione transfrontaliera «Medithéâtres –  Grande musique dans les anciens théâtres mediteranéens», che mira alla creazione di un polo d’eccellenza in ambito mediterraneo per la musica lirica e sinfonica.

Un progetto di cui l’Ente Luglio Musicale Trapanese è capofila, in partnership con il Distretto Turistico della Sicilia Occidentale, gli Amici della Musica di Trapani, per la parte italiana ed il Teatro dell’Opera di Tunisi, l’Orchestra dell’Opera di Tunisi e l’AMVPPC – Agence de Mise en Valeur du patrimoine et de Promotion Culturelle, facente capo al Ministero degli Affari Culturali della Tunisia.

Il progetto vede tra i partner istituzionali il MiBACT, l’Ambasciata d’Italia e l’Istituto Italiano di Cultura a Tunisi, che sono stati promotori della rassegna “La Settimana dell’Opera Italiana in Tunisia”, inaugurata lo scorso anno con la co-produzione italo-tunisina dell’opera lirica AIDA, di G. Verdi.

Anche il Gran Galà dell’Opera Lirica Italiana s’inquadra all’interno della stessa rassegna.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.