'Il grande abbaglio: Peppino Impastato e il Pci', in un libro il ricordo :ilSicilia.it

‘Il grande abbaglio: Peppino Impastato e il Pci’, in un libro il ricordo

di
9 Maggio 2022

Anche quest’anno l’anniversario del sacrificio di Peppino Impastato vede un susseguirsi di iniziative, di convegni e presentazione di libri che ricordano la sua vita, il suo impegno contro la mafia e l’incessante battaglia promossa dalla mamma Felicia, da fratello Giovanni e dal Centro a lui intitolato per ristabilire alla verità e punire i responsabili di quel feroce assassinio. A conferma che il suo ricordo non si è mai affievolito ed è sempre presente nell’animo dei siciliani che trovano nel suo ricordo nuovi stimoli per continuare la sua battaglia. A tal fine anche noi abbiamo voluto dare un contributo attraverso un libro che è in corso di pubblicazione ad iniziativa dell’editore Ottavio Navarra.

Elio Sanfilippo
Elio Sanfilippo

Insieme al ricordo della figura di Peppino e del suo impegno politico il libro presenta una peculiarità che fino ad ora non è stata mai analizzata e approfondita e che segnò molto quella storia: i rapporti tra il partito Comunista e Impastato caratterizzati spesso da aspre polemiche e dure contrapposizioni, ma soprattutto spiega il grande “abbaglio” del PCI (che è il titolo del libro) di non denunciare subito e apertamente che l’assassinio di Impastato fosse un chiaro delitto di mafia. Un aspetto non secondario di questa drammatica vicenda.

Il libro descrive il travaglio interno che caratterizzò il gruppo dirigente del PCI, i motivi che portarono per un certo periodo ad una posizione di ambiguità fino al suo graduale ripensamento, l’abbandono di ogni atteggiamento di prudenza e il netto riconoscimento di delitto di mafia. Un contributo in tal senso venne da Luigi Colayanni, Pio La Torre ed Emanuele Macaluso. A questa “svolta” seguì un impegno per ristabilire la verità e ricucire lo strappo provocato nel movimento antimafia.

Il libro si sofferma sulle conseguenze che l’iniziale posizione comportò nel ritardo della comprensione dei cambiamenti e dei nuovi interessi di Cosa Nostra e del contesto di guerra di mafia in cui si muoveva l’azione di Peppino Impastato che vedeva l’ascesa dei corleonesi di Totò Riina al comando di Cosa Nostra.

A tal proposito il libro mette in luce il ruolo che assunsero i capi dell’Arma dei carabinieri che fino all’ultimo considerarono Impastato un terrorista vittima dell’attentato che stava preparando fino alla ridicola tesi del suicidio, rifiutandosi pervicacemente di seguire la pista del delitto mafioso. Vengono, infine, analizzate le varie ipotesi che portarono i carabinieri ad operare uno dei più gravi e grandi depistaggi della storia e le importanti iniziative che Impastato stava portando avanti per scoprire legami e connivenza tra deviati appartai dello Stato la mafia. Infine, insieme al depistaggio si cerca di capire i motivi veri che portarono alla sua uccisione e i misteri che si volevano coprire con la sua eliminazione.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.