Il grande bluff di La Vardera: arriva l'atteso docufilm sulle Comunali di Palermo | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Girato con telecamere nascoste

Il grande bluff di La Vardera: arriva l’atteso docufilm sulle Comunali di Palermo | VIDEO

di
22 Ottobre 2018

Ricordate il candidato della Lega Ismaele La Vardera? La giovane Iena sicula ha finalmente ultimato l’atteso docufilm sulla sua candidatura alle Comunali di Palermo del 2017.

Un film sulla campagna elettorale e tutti gli incontri registrati con la telecamera nascosta. Ad annunciarlo tramite Facebook il suo collega Cristiano Pasca, che farà la voce narrante nel film che dovrebbe uscire a fine novembre«Vi ricordate il SINDACO LA VARDERA e tutto quello che è successo?? Bene.. finalmente ci siamo! E con emozione ed orgoglio vi comunico che sono l’interprete della voce narrante del docufilm capolavoro del mio folle fratellino Ismaele La Vardera in uscita a fine novembre. Comincia già a parlarne la stampa internazionale! Preparatevi a immergervi in una vera e propria radiografia del potere… come non l’avete mai vista!»

La Vardera e Salvini - pane e panelle

A supporto, anche un pezzo del Guardian, titolato “Il documentario del candidato improbabile solleva il coperchio sulla politica italiana”. A sostenerlo alle scorse elezioni, sia Giorgia Meloni (Fratelli d’Italia) sia il neo ministro dell’Interno Matteo Salvini (Lega) con cui mangiò perfino un pani cà meusa da Nino u ballerinu.

Questi insieme a Totò Cuffaro, Vittorio Sgarbi e altri politici, sono stati intercettati da telecamere nascoste, mentre La Vardera portava avanti la sua candidatura a sindaco di Palermo. «Mentre ero in campagna elettorale sono rimasto stupito da certe cose che mi stavano accadendo – ha detto La Vardera – È stato allora che ho deciso che valeva la pena registrare tutto». Sul Guardian si legge:

«La parte più sorprendente del film si svolge nello scantinato di un condominio nel quartiere Kalsa di Palermo, una roccaforte della mafia siciliana. La Vardera era stato accompagnato nell’appartamento da un ex consigliere di Palermo per incontrare un parente del boss della mafia imprigionato Gino “U Mitra” Abbate. Il parente ha offerto un accordo: “Possiamo consegnare 300 voti in questo distretto, ma ti costeranno 30 € ciascuno. Qui, le persone hanno bisogno di cibo. Qui, decidiamo per chi voteranno, altrimenti non votano”. “Sono rimasto stupito”, ha detto La Vardera. “Ho pensato, questa è davvero accadendo a me?”»

E poi un passaggio su Cuffaro che – scrive il quotidiano inglese – avrebbe detto a La Vardera di sostenere il candidato candidato a sindaco di Forza Italia (Ferrandelli), in caso di ballottaggi.

Tra i pochi ad accorgersi del “grande bluff” di La Vardera, proprio noi de ilSicilia.it:

Non si conoscono ancora i dettagli del film, ma di certo farà discutere…

 

LEGGI ANCHE:

La Vardera confessa: “Volevo fare il sindaco, ma poi ho deciso di fare il film”

La Vardera in un video ringrazia l’autore delle Iene: “La mia candidatura non era un bluff”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

La stramberia dello stop alla Ztl notturna a Palermo

E’ possibile che questo sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, non riesca a mettere un freno alle stramberie del suo assessore alla Mobilità, Giusto Catania? Evidentemente, non ha una grande considerazione per i palermitani, proponendo l’abolizione della Ztl nella fascia oraria notturna
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.